Jump to content

Recommended Posts

Per sotto costa sia per Moskwa che per Stark si intende un centinaio di chilometri, forse di più.

Gli ucraini hanno detto di aver colpito la Moskwa con due missili; certamente lo Stark ha resistito meglio, ma come già scritto che la nave sia affondata o galleggiante con gravi danni cambia poco, non è più in grado di svolgere il suo compito.

Concedo che la US Navy domina i mari in tempo di pace, ma dubito potrebbe farlo in guerra.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 110
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Dai tempi dell'affondamento dell'EILATH da parte di una vedetta ferma in porto, con un missile STYX di fabbricazione sovietica, sappiamo della pericolosità dei missili antinave. Mi sembra che anche un

Posted Images

15 ore fa, Giuseppe Garufi ha scritto:

Fuori da ogni polemica, a "loro" non è successo.

Nel 1987, la fregata STARK, classe PERRY, molto più piccola del MOSKVA, fu colpita in pieno da due missili Exocet (simili ai Neptune), riuscì a rientrare a Bahrein. Fu riparata negli USA e resto in servizio.

Può essere che fosse una nave fortunata, oppure era costruita meglio della MOSKVA, oppure le squadre americane di controllo dei danni funzionarono meglio di quelle russe.

Per la fregata russa dobbiamo avere un po' di pazienza, a breve uscirà una foto che la ritrae in in porto (non vecchia come qualcuna che ho già visto) oppure in fiamme (non false come quelle che pure ho visto).

 

Beh diciamo che la cosa è simile. Stark fu colpita si da due missili, il primo non esplose e il secondo arrivo praticamente nello stesso punto. Anche loro nell' inchiesta dissero che era stata un bella fortuna, visto che già con uno, in pratica, se la videro brutta. Se fossero arrivati in due posti diversi non so come sarebbe finita. PS le notizie han sempre dato moskva colpito da due missili, chiarito che la causa è stata quella. In ogni caso, anche per Stark ci furono ciws spenti, mancati avvistamento ecc ecc

 

Link to post
Share on other sites
51 minuti fa, MIRCO MAZZETTI ha scritto:

Beh diciamo che la cosa è simile. Stark fu colpita si da due missili, il primo non esplose e il secondo arrivo praticamente nello stesso punto. Anche loro nell' inchiesta dissero che era stata un bella fortuna, visto che già con uno, in pratica, se la videro brutta. Se fossero arrivati in due posti diversi non so come sarebbe finita. PS le notizie han sempre dato moskva colpito da due missili, chiarito che la causa è stata quella. In ogni caso, anche per Stark ci furono ciws spenti, mancati avvistamento ecc ecc

 

Indubbiamente le navi di superficie hanno difese contro missili cruise, ma sono troppo aleatorie, legate al fatto che tutto funzioni alla perfezione e in guerra questo raramente succede.

Si può riuscire ad intercettare un missile e non ricordo un caso confermato in cui sia successo, ma non due o tre.

Se colpita una prima volta la difesa contraerea è sicuramente compromessa e la nave rimane alla mercé del nemico.

Da considerare che gli attacchi sono venuti da potenze di secondo livello, Argentina, Iraq, Ucraina, non in grado di effettuare attacchi massicci.

Link to post
Share on other sites

Dai tempi dell'affondamento dell'EILATH da parte di una vedetta ferma in porto, con un missile STYX di fabbricazione sovietica, sappiamo della pericolosità dei missili antinave. Mi sembra che anche un vecchio cacciatorpediniere pakistano abbia fatto la stessa fine in una delle guerre fra India e Pakistan. Exocet argentini hanno affondato navi inglesi. Missili lanciati da elicotteri hanno distrutto le flotte libiche e irakene

Bene, sappiamo che il missile è pericoloso, ma sappiamo, ad esempio, che lo è anche il siluro: un aereo o una base missilistica a terra possono affondare una nave così come da oltre 150 anni è possibile con un sommergibile o una batteria terrestre: durante la I GM ci fu una strage di incrociatori affondati da sommergibili, nella II GM addirittura un incrociatore pesante tedesco fu vittima di siluri lanciati da una batteria terrestre norvegese. Ciò non toglie che si sia continuato a costruire navi di superficie, cui si sono affiancati i sommergibili, le portaerei, le unità missilistiche. L'arma assoluta non esiste, per fortuna. 

La questione è: la corazzata ROMA colpita dalle Fritz-X tedesche affonda, la WARSPITE resiste, due incrociatori leggeri americani resistono.  Similmente, MOSKVA affonda, STARK resta a galla. Colpi (s)fortunati ma quello che conta è il risultato, in caso di guerra vera la fregata americana sarebbe rientrata in linea dopo le riparazioni, l'incrociatore russo mai più. Ricordando sempre che stiamo parlando di due navi ben diverse per dimensioni ed armamenti (teoricamente) disponibili.

Bisogna costruire bene le navi, difendersi dagli attacchi, prevenire il lancio di siluri e missili, contenere i danni nei casi in cui si è colpiti. La guerra continua ad essere un'attività umana estremamente complessa, non semplificabile.

Buona domenica.

 

 

 

Link to post
Share on other sites
Il 7/5/2022 at 13:50, MIRCO MAZZETTI ha scritto:

Due o tre cose, sparse. 

La Makarov è scomparsa da ogni comunicazione: temo sia la stessa notizia, come tipologia, della 'fregata affondata coi lanciarazzi' di un mese fa circa, ovvero, non veritiera

Moskva: la 'notizia' dei radar spenti è di fonte USNI, poi rilanciata in giro, ed è frutto delle ipotesi di un ex ufficiale USN in congedo. Che peraltro, prende ad esempio il Top Dome e i radar dello SA-N-4 che sono per chiglia, dicendo che 'i radar per l'avvistamento sono inattivi', quando quelli si attivavano, magari, quando i radar di scoperta avessero prima rilevato i missili in avvicinamento.... 

E' uscita una fotografia della Makarov intatta, ma non è sicuro se sia stata presa prima o dopo il preteso danneggiamento. La fotografia in cui si vedeva la Makarov con incendio a bordo sembra costruita partendo da un videogioco. Naturalmente da satelliti militari si può sapere con certezza dove è la Makarov, il fatto che non se ne parli più è una chiara indicazione che la notizia è stata costruita dalla propaganda ucraina.

Stamattina sul Corriere ho visto una fotografia di un'altra nave russa colpita. Adesso la foto non c'è più, forse era un'altra invenzione della propaganda ucraina. 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...