Jump to content

L'affondamento del trabaccolo Tireremo Dritto


Recommended Posts

Il trabaccolo Tireremo Dritto fu costruito a Cattolica nel 1939 dal maestro d’ascia Giuseppe Della Santina. Da 177 tsl, probabilmente il più grosso  mai costruito ( al secondo posto forse  il Due Rosine costruito a Cattolica da Roberto Franchi). Dotato di un motore da 225 CA. Ovviamente presente nel catalogo Aidmen. Fu requisito dalla Regia Marina e affondato, secondo “Navi Mercantili Perdute” nella notte tra il 25 e 26 dicembre del 1941 dal ct Waterhen, fra Marsa Lucch e Ras Azzas. La sitografia ufficiale riporta, però,  l’affondamento del Tireremo Dritto il 25 dicembre del 1940 e la perdita del ct Waterhen il 30 giugno del 1941. Ma vengo al dunque. Qualche mese fa mi fu regalato da un parente del maestro d’ascia Giuseppe della Santina un libro dal titolo “La Marineria di Cattolica e Gabicce dall’ottocento ad oggi”  di Livio Bontempi. Nel testo c’è scritto a pag. 73:”… Sempre in questo cantiere (Giuseppe della Santina ndr) fu costruito il trabaccolo più grande … il suo nome era il Tireremo Dritto … Inviato a Tripoli … nel 1941…  fu affondato nel Golfo della Sirte da un sommergibile inglese”. L’equipaggio si mise in salvo su una lancia e veleggiando raggiunse la costa libica.

Caccia o sommergibile?

L’autore del libro purtroppo è deceduto e il testo non riporta la bibliografia essendo uno scritto di ricordi.

Il dubbio rimane.

Link to post
Share on other sites

Ciao

grazie per la tua attenzione.

Questa è la versione ufficiale, sicuramente quella vera ... ma l'autore del libro Livio Bontempi  deve aver raccolto qualche informazione da qualche marinaio del Tireremo Dritto o da qualche vecchio lupo di mare. Senza verificare le fonti? può essere ma sicuramente di sommergibili nella zona ce n'erano e anche di trabaccoli o moto velieri che venivano usati per rifornire le truppe italiane e tedesche.

saluti

Link to post
Share on other sites
Il 17/6/2021 at 17:04, Di Giorgio R. ha scritto:

Ciao

grazie per la tua attenzione.

Questa è la versione ufficiale, sicuramente quella vera ... ma l'autore del libro Livio Bontempi  deve aver raccolto qualche informazione da qualche marinaio del Tireremo Dritto o da qualche vecchio lupo di mare. Senza verificare le fonti? può essere ma sicuramente di sommergibili nella zona ce n'erano e anche di trabaccoli o moto velieri che venivano usati per rifornire le truppe italiane e tedesche.

saluti

 

si può essere benissimo, però con le testimonianze dirette o indirette e i ricordi spesso bisogna andarci coi piedi di piombo 

 

un saluto

L.

Link to post
Share on other sites
18 ore fa, Di Giorgio R. ha scritto:

Grazie e ricambio volentieri il saluto.

Sono pienamente d'accordo ma ... la cosa mi incuriosisce a tal punto che devo  mettermi in contatto con uno dei due figli del sig. Bontempi per capire, se possibile, come sia saltata fuori questa storia del sommergibile.

sarebbe interessante, poi se riesci fallo sapere

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...