Vai al contenuto

AIDMEN utilizza dei cookie per le proprie funzionalità e migliorare l'esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni leggi l'Informativa ex 13 D.Lgs. n. 196/2003 .    Cliccando il tasto a destra acconsenti all’uso dei cookie    Accetto l'utilizzo dei cookie

Formazione, addestramento e prevenzione

Iniziato da CARABINIERE , 01.12.2017 - 21:48
Sottomarini sicurezza formazione in ambiente operat simulazione lajolla San Francisco Nuclear Power Training Unit

  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1

CARABINIERE
  • CARABINIERE
  • AIDMEN Fellows
  • 162 messaggi

Nelle Marine Militari il fattore di successo determinante è la preparazione e l’addestramento, ma non tanto quello delle eccellenze e dalle capacità individuali, quanto quelle di team; Le migliori Marine sono quelle che adottano e praticano in forma costante,  maniacale, un capillare  addestramento contro le  emergenze, di qualsiasi tipo.

Bisogna ripetere costantemente – in situazioni reali - le manovre e gli interventi, acquisire automatismi comportamentali non individuali ma della squadra chiamata ad operare ... un addestramento costante a bordo, ma una preparazione di base in centri ad hoc specializzati, con simulazioni dal vivo.

Simulazioni che possono svilupparsi sia in centri (“fette di nave”) sistemati in terra sia con unità appositamente adattate, se non appositamente costruite.

La US Navy ha precorso i tempi dalla seconda guerra mondiale, la MMI lo pratica da oltre cinquant’ anni con centri creati ad hoc, sia per le navi di superficie che per i sommergibili: qualcosa di più di semplici simulatori.

In un momento in cui la US Navy è sotto giudizio per i ripetuti incidenti e per l’evidente impreparazione, e nello stesso momento in cui il mondo navale è colpito dalla vicenda del San Juan (crudelmente un po’ di jella anche nel nome …), non va passata sotto silenzio una recente misura della US Navy.

E’ appena rientrato in servizio (con altra assegnazione, non più USSNS ma USNS ascritta al MTS) dopo lunghi lavori l’ ex sottomarino La Jolla, già appartenente della classe Los Angeles, quale unità galleggiante di addestramento .

Questa conversione fa  parte di un programma di conversione di due unità  ( l’ altra è l’ ex USS San Francisco , SSN 711, che inizierà i lavori a gennaio) destinate alla formazione di nuovi equipaggi per sottomarini nucleari

Le due unità sostituiranno analoghe piattaforme, operative dal 1990 e devivate da subs entrati in servizio nell ‘ ormai lontano 1964,   quali Nuclear Power Training Unit (NPTU) presso la base navale di Charleston, South Carolina.

 

Si è trattato non di lavori marginali ma di una vera ricostruzione, con lo scafo letteralmente tagliato in tre sezioni per permettere l’inserimento intermedio di due nuovi moduli (con un allungamento totale delle unità di oltre 25 metri)

Le due unità, dopo le prove e l’effettiva entrata in servizio del La Jolla nel 2018,  dovrebbero coprire le necessità di unità NPTU per i prossimi 20 anni  .

 

L’ addestramento di equipaggi completi in ambiente  simile e consono a quello delle unità operative in mare dovrebbe contribuire a superare gli stati di confusione, limitazione di azione anche in ambienti limitato ed atmosfera degradata da fumi, gas, fiamme infiltrazioni … considerato che a bordo di un sottomarino qualunque piccola avaria se non affrontata e risolta immediatamente può diventare letale, creare i presupposti di una tragedia.

·      Un allagamento incontrollato causa l’affondamento.

·      Un incendio incontrollato causa il soffocamento dell’equipaggio.

·      Un blackout totale causa la paralisi di tutti gli impianti.

·      La mancanza di energia rende incontrollabile il mezzo, cosi come le manovre di emergenza

·      Un’ apertura improvvida causa contaminazione radioattiva.

 

In un momento in cui la costruzione  di nuove unità dovrebbe essere costante e rapidissima occorre provvedere, in primis per i sottomarini, ad una formazione affidabile che garantisca quella responsabilizzazione a fronte di ogni tipo di evento con relativi automatismi comportamentali che  è la chiave di sopravvivenza su questo tipo di unità e per questo tipo di unità.

Al contrario di un’ unità di superficie un sottomarino di 25 anni  è un’ unità obsoleta, ed occorreva pertanto adeguare – per la US Navy – la formazione ai nuovi sistemi all’ stato dell’ arte .

Sott’ acqua non bisogna essere fortunati, ma essere  preveggenti  …


  • Francesco De Domenico e Giancarlo Castiglioni piace questo
  • Torna su
  • Inviato 01 dicembre 2017 - 21:48

#2

Giancarlo Castiglioni
  • Giancarlo Castiglioni
  • AIDMEN Council Members
  • 81 messaggi
  • LocationMilano

Mi par di capire che sarà sempre attraccato al molo.

Ma sarebbe in grado di navigare? 

Mi pare che i sommergibili nucleari abbiano dei diesel di emergenza, potrebbe muoversi con quelli.

Il reattore nucleare è stato tolto o disattivato?


  • Torna su
  • Inviato 02 dicembre 2017 - 09:23

#3

Giuseppe Garufi
  • Giuseppe Garufi
  • Moderators
  • 1218 messaggi
  • LocationMessina

Dagli articoli che posto qui di seguito, mi sembra di aver capito che il reattore nucleare è stato tolto e disattivato e che la nave sarà utilizzata ormeggiata ... ma non vi fidate troppo delle mie traduzioni dall'inglese.

 

http://www.navy.mil/...?story_id=86140

 

http://navaltoday.co...sion-milestone/

 

https://www.military...4df0ad6bab.html


  • Torna su
  • Inviato 02 dicembre 2017 - 09:46

#4

Iscandar
  • Iscandar
  • Members
  • 45 messaggi
  • LocationPalermo

scusate la mia ignoranza ma perché il nome San Juan sarebbe jellato?


  • Torna su
  • Inviato 02 dicembre 2017 - 20:30

#5

CARABINIERE
  • CARABINIERE
  • AIDMEN Fellows
  • 162 messaggi

nella tradizione (sotterranea) navale non si dovrebbe mai dare a veicoli subacquei né nomi di santi né di religiosi .. (nella MMI c' è anche un gustoso aneddoto, per fortuna rimasto tale, in violazione a questo "codice" ..)


  • Torna su
  • Inviato 03 dicembre 2017 - 19:43

#6

Giuseppe Garufi
  • Giuseppe Garufi
  • Moderators
  • 1218 messaggi
  • LocationMessina

Santorre di "Santa Rosa" ???  :)


  • Torna su
  • Inviato 03 dicembre 2017 - 21:29

#7

CARABINIERE
  • CARABINIERE
  • AIDMEN Fellows
  • 162 messaggi

no molto, più recente, sacerdote della resistenza ...


  • Torna su
  • Inviato 04 dicembre 2017 - 10:35

#8

Francesco De Domenico
  • Francesco De Domenico
  • Administrators
  • 1120 messaggi

Se non ricordo male, un altro sommergibile argentino si chiamava SANTIAGO DEL ESTERO (nome di città, ma anche di un santo).
  • Torna su
  • Inviato 04 dicembre 2017 - 12:29

#9

Giuseppe Garufi
  • Giuseppe Garufi
  • Moderators
  • 1218 messaggi
  • LocationMessina

Avevo pensato a don Enrico Tazzoli ma, visto che i sommergibili italiani a portare il suo nome sono stati due, lo avevo escluso.


  • Torna su
  • Inviato 04 dicembre 2017 - 14:14

#10

CARABINIERE
  • CARABINIERE
  • AIDMEN Fellows
  • 162 messaggi

... è proprio lui, il primo, e la demagogia non tiene conto delle traduzioni (ne  dei segni premonitori né di quanto  accaduto) ...


  • Torna su
  • Inviato 06 dicembre 2017 - 12:28




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi