Vai al contenuto

AIDMEN utilizza dei cookie per le proprie funzionalità e migliorare l'esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni leggi l'Informativa ex 13 D.Lgs. n. 196/2003 .    Cliccando il tasto a destra acconsenti all’uso dei cookie    Accetto l'utilizzo dei cookie

Non solo spezie. Commercio e alimentazione tra Venezia e Inghilterra

Iniziato da Luiz , 05.01.2017 - 23:27
Venezia Biblioteca Marciana

  • Per cortesia connettiti per rispondere
3 risposte a questa discussione

#1

Luiz
  • Luiz
  • Moderators
  • 505 messaggi

E' in corso nella impressionante sala monumentale della Biblioteca Marciana di Venezia, e chiuderà l'8 gennaio, una preziosa mostra bibliografica e di documenti storici dal titolo:

"Non solo spezie. Commercio e alimentazione tra Venezia e Inghilterra nei secoli XIV-XVIII"

 

http://marciana.vene...ecoli-xiv-xviii

 

L'intento è quello di illustrare, attraverso una selezione di documenti, i  rapporti intercorsi tra questi due Stati per quanto riguarda soprattutto gli scambi commerciali di generi alimentari.

 

Sono esposti documenti che illustrano gli aspetti diplomatici e commerciali, i ricevimenti ufficiali di ambasciatori e principi inglesi a Venezia, i  mercanti e viaggiatori tra Venezia e Inghilterra, la muda di Fiandra, i mercati tra '400 e '700 e anche preziosi libri di cucina.

Tra i documenti esposti più importanti ricordiamo un lasciapassare di re Enrico VIII, una lettera della  regina Elisabetta I relativa al dazio veneziano sull'uva passa, e per il nostro più stretto interesse alcuni manifesti di carico delle galee che componevano la muda de Fiandra, cioè il convoglio di galee da mercato di proprietà pubblica organizzati dallo stato veneziano già dal XIII secolo, regolarizzati da un sistema di arrivi e partenze tale da rendere efficiente lo scambio tra i mercati di levante e di ponente.

L'itinerario prevedeva che la muda dopo essere uscita da Venezia e aver toccato Messina e Palermo attraversasse Gibilterra e raggiungesse Bruges nel trecento e Anversa nel quattrocento. Il viaggio durava quattro mesi. Nel secolo XIV solo due navi su cinque proseguivano per l'Inghilterra. Col passare del tempo i porti meridionali inglesi furono preferiti a quelli fiamminghi. I convogli delle muda di Fiandra che raggiunsero l'Inghilterra furono 122 e cessarono nel 1533, per vari motivi ma principalmente per la concorrenza delle forniture di pepe dei Portoghesi.

In mostra anche una splendida incisione di 350x1105 mm di Vincenzo Maria Coronelli rappresentante lo Jacht Reggio che portò gli ambasciatori Lorenzo Soranzo e Girolamo Venier in Inghilterra, stampata nel 1697

Allega File(s)


  • Giuseppe Garufi, Nereo Castelli, Francesco De Domenico e 3 altri piace questo

Una persona stupida è chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita (C.M. Cipolla)

  • Torna su
  • Inviato 05 gennaio 2017 - 23:27

#2

Luiz
  • Luiz
  • Moderators
  • 505 messaggi

allego altre foto

Allega File(s)


  • sandokan piace questo

Una persona stupida è chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita (C.M. Cipolla)

  • Torna su
  • Inviato 05 gennaio 2017 - 23:32

#3

sandokan
  • sandokan
  • AIDMEN Fellows
  • 190 messaggi

Che bella ed interessante! Peccato non averla potuta visitare causa  quel maledetto virus! :(


  • Torna su
  • Inviato 09 gennaio 2017 - 13:56

#4

Luiz
  • Luiz
  • Moderators
  • 505 messaggi

Che bella ed interessante! Peccato non averla potuta visitare causa  quel maledetto virus! :(

 

 

è durata anche molto poco, e pure io l'ho incontrata per caso


  • sandokan piace questo

Una persona stupida è chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita (C.M. Cipolla)

  • Torna su
  • Inviato 09 gennaio 2017 - 15:43





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi