Vai al contenuto

AIDMEN utilizza dei cookie per le proprie funzionalità e migliorare l'esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni leggi l'Informativa ex 13 D.Lgs. n. 196/2003 .    Cliccando il tasto a destra acconsenti all’uso dei cookie    Accetto l'utilizzo dei cookie

Ritrovati i Relitti del FRANCESCO CRISPI e dell' HMS SARACEN - 1943

Iniziato da Nereo Castelli , 29.06.2015 - 21:30
Relitti Piroscafo Francesco Crispi HMS Saracen Ing. Guido Gay

  • Per cortesia connettiti per rispondere
25 risposte a questa discussione

#1

Nereo Castelli
  • Nereo Castelli
  • AIDMEN Council Members
  • 171 messaggi
  • LocationTrieste

Oggi, Sulla stampa triestina è apparso l’annuncio dell’ing. Guido Gay in merito al ritrovamento del relitto del FRANCESCO CRISPI, silurato ed affondato il 19 aprile 1943 al largo della Punta Nera (Isola d’Elba) dal sommergibile HMS SARACEN.

 

L’ing. Gay informa che anche il relitto di questo sommergibile è stato ritrovato dalla sua squadra.

 

Foto e video dei due ritrovamenti:

http://ilpiccolo.gel...ispi-1.11696246

 

Nereo Castelli


Messaggio modificato da Corto Maltese, 30 giugno 2015 - 10:25
Aggiunti TAG - Modificato Titolo discussione

  • Corto Maltese e Luiz piace questo
  • Torna su
  • Inviato 29 giugno 2015 - 21:30

#2

Francesco Mattesini
  • Francesco Mattesini
  • AIDMEN Fellows
  • 726 messaggi

L'AFFONDAMENTO DEL SOMMERGIBILE BRITANNICO SARACEN
 
Saracen, 715 tons (14 agosto 1943)

Il 5 agosto 1943, al momento di partire da Algeri, base dei sommergibili della 8a Flottiglia, per svolgere una missione nel Tirreno, il Saracen (tenente di vascello Michael Geoffrey Rawson Lumby) ricevette l’ordine di finire con il cannone il piroscafo britannico Fort Lamontee, in fiamme all’entrata del porto assieme al cacciatorpediniere Arrow. Quest'ultimo, trovandosi vicino al Fort Lamontee, riportò danni irreparabili per l'esplosione del carico degli esplosivi che si trovavano nelle stive della nave mercantile. Successivamente, il 7 agosto, il Saracen salpò da Algeri per operare al largo di Bastia. Alle ore 00.15 del 14 la corvetta italiana Minerva (tenente di vascello Mario Baroglio), uscita dal porto assieme alla corvetta Euterpe (tenente di vascello Antonio March) per ricercare un sommergibile segnalato nella zona alle 08.00 del 13, a 0,6 miglia per 116° dall’ingresso del porto di Bastia. La Minerva localizzò con l’ecogoniometro il Saracen e lo attaccò lanciando quaranta bombe di profondità, ripartite in cinque salve. Il sommergibile, gravemente danneggiato, alle 00.59 venne a galla, e l’equipaggio si gettò in mare dopo aver preso le misure per l’autoaffondamento. La Minerva, che visto il Saracen venire in superficie aveva aperto il fuoco a scopo intimidatorio con il cannone da 100 mm. e con le mitragliere da 20 mm, recuperò, assieme all’Euterpe, quarantuno uomini dell’equipaggio su un totale di quarantatré, che poi all’arrivo a Bastia furono consegnati alle autorità militari italiane. Tra i superstiti del sommergibile, che affondò in lat. 42°45’N, long. 09°30’E, vi furono anche il comandante Lumby e quattro ufficiali.


Messaggio modificato da Corto Maltese, 30 giugno 2015 - 10:20
Formattato il testo

  • Corto Maltese piace questo
  • Torna su
  • Inviato 30 giugno 2015 - 07:01

#3

Francesco De Domenico
  • Francesco De Domenico
  • Administrators
  • 1201 messaggi

Jean-Pierre Misson mi aveva già comunicato il ritrovamento del relitto del SARACEN. Ho anche visto un servizio sull'ing. Gay sul TG 1.

Allega File(s)


  • Corto Maltese piace questo
  • Torna su
  • Inviato 30 giugno 2015 - 10:11

#4

GABRIELEM
  • GABRIELEM
  • AIDMEN Council Members
  • 16 messaggi

Buongiorno,

aggiungo alcune pagine sull'affondamento del SARACEN.

 

Saluti

Gabriele 

Allega File(s)


  • Corto Maltese e Luiz piace questo
  • Torna su
  • Inviato 30 giugno 2015 - 10:22

#5

Luiz
  • Luiz
  • Moderators
  • 505 messaggi

Gabriele i documenti del Nara sono liberamente pubblicabili o ti vincola qualche licenza d'uso?


Una persona stupida è chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita (C.M. Cipolla)

  • Torna su
  • Inviato 30 giugno 2015 - 12:44

#6

GABRIELEM
  • GABRIELEM
  • AIDMEN Council Members
  • 16 messaggi

Gabriele i documenti del Nara sono liberamente pubblicabili o ti vincola qualche licenza d'uso?

Dovrebbe esserci una licenza d'uso ma nel 2011 chiedendo tramite mail quanto avrei dovuto pagare per pubblicare in un libro alcune pagine di un KTB, non ricevetti risposta. 

 

Saluti,

Gabriele


  • Torna su
  • Inviato 30 giugno 2015 - 13:43

#7

Corto Maltese
  • Corto Maltese
  • AIDMEN Fellows
  • 321 messaggi

Trovate tutte le risposte alle vostre domande qui: http://www.archives.....html#copyright  :)


  • Torna su
  • Inviato 30 giugno 2015 - 14:18

#8

Luiz
  • Luiz
  • Moderators
  • 505 messaggi

Trovate tutte le risposte alle vostre domande qui: http://www.archives.....html#copyright  :)

 

questa è la regola generale ma direi di fare attenzione, quando si posta, a non mettere materiale archiviale non in public domain.

nel caso di specie non lo sappiamo lo possiamo solo supporre


Una persona stupida è chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita (C.M. Cipolla)

  • Torna su
  • Inviato 01 luglio 2015 - 09:18

#9

Loligo
  • Loligo
  • AIDMEN Council Members
  • 256 messaggi

Sono profondamente deluso e disgustato per il fatto che i frequentatori del forum si interessino SOLO alla storia di un smg straniero e dimentichino gli 800 morti del FRANCESCO CRISPI.


  • Nereo Castelli piace questo
  • Torna su
  • Inviato 04 luglio 2015 - 14:52

#10

Francesco Mattesini
  • Francesco Mattesini
  • AIDMEN Fellows
  • 726 messaggi

Dato che LOLIGO é discustato, e poiché sul cacciatorpediniere FRANCESCO NULLO  ero pronto, come da me richiesto, a postare tre foto, egli non merita nessuna risposta.

 

Francesci Mattesini


  • Torna su
  • Inviato 04 luglio 2015 - 15:13

#11

Corto Maltese
  • Corto Maltese
  • AIDMEN Fellows
  • 321 messaggi

Sono sicuro che nessuno tra i frequentatori di questo forum intende dimenticare gli 800 morti del Crispi. Ciò detto invito il nostro Loligo a non pubblicare messaggi il cui tono potrebbe essere frainteso da chi non ha la fortuna e il piacere di conoscerlo personalmente. Troverei invece molto più utile e costruttivo, in luogo di una polemica che rischia di rivelarsi fine a se stessa, che Loligo e Castelli, considerata la loro indiscussa preparazione in materia, ripercorrano in questa discussione la storia del Crispi sino al suo tragico epilogo.

 

P.s.: Ma i caduti sul Crispi non furono 943?


  • Long John Silver piace questo
  • Torna su
  • Inviato 04 luglio 2015 - 15:27

#12

Nereo Castelli
  • Nereo Castelli
  • AIDMEN Council Members
  • 171 messaggi
  • LocationTrieste

Avevo postato l’articolo apparso sul Piccolo di Trieste proprio perché sapevo molto poco sull’affondamento del FRANCESCO CRISPI e speravo che qualche membro della nostra associazione ne sapesse di più.

 

Loligo mi ha chiesto di postare la sua scheda su questo piroscafo:

 

FRANCESCO CRISPI (1404)

Ordine : Transatlantica Italiana, Società di Navigazione - Genova(IT)

a      : Ansaldo-San Giorgio

  .  .1920 impostato al Muggiano (cost.194)

  .  .192. costruzione sospesa a causa delle difficoltà finanziarie della compagnia armatrice

22.12.1925 trasferito alla CITRA, Compagnia Italiana Transatlantica - Roma(IT)che riprende la costruzione

10. 9.1926 varato come FRANCESCO CRISPI

  .12.1926 completato

7464tsl 4255tsn 9000tpl.   139,29 x 16,12 x 7,75 x 8,19m. (A)

3tb.vap. 4c.ta.(N)[Ansaldo-Sampierdarena] 2el. 6000ca 16n.

Pass.: 69prima 70seconda 100sec.economica 206terza

  .12.1926 FRANCESCO CRISPI: CITRA, Compagnia Italiana Transatlantica -  Roma(IT) (Ge1438)

  .12.1926: viaggio inaugurale in linea Genova Livorno Napoli Messina Port Said Port Sudan Massaua Aden Dante Mogadiscio Chisimaio Mombasa Zanzibar Dar-es-Salaam

  .  .192.: chiusura della veranda

  .  .19..: scafo nero

15.12.1931 FRANCESCO CRISPI : Florio, Società Italiana di Navigazione - Roma(IT)

13. 2.1932 FRANCESCO CRISPI : Tirrenia Flotte Riunite - Napoli(IT)

  .  .193.: scafo grigio

  .  .193.: ai lavori presso il cantiere Orlando di Livorno per la sostituzione delle caldaie [4c.ta(N)]

 1. 1.1937 FRANCESCO CRISPI : Lloyd Triestino S.A. di Navigazione - Trieste(IT)

  .  .1939: 7600tsl 4292tsn ....tpl.

                 La linea viene limitata a Chisimaio

  .  .1939: nuovi colori

  .  .194.: disarmato

 2. 1.1941: requisito a Genova dalla Marina Militare Italiana come trasporto truppe

 6. 2.1941: impiegato in trasporti di truppa da Bari a Valona

 3. 5.1941: trasporta il corpo di occupazione ad Argostoli

 9. 5.1941: FRANCESCO CRISPI : Linee Triestine per l'Oriente - Trieste(IT)

26. 9.1941: impiegato in trasporti di truppa per la Grecia generalmente da Brindisi a Patrasso

17.12.1941: derequisito

13.12.1941: in trasferimento da Trieste a Monfalcone vuoto, incaglia nel Canale di Panzano. Viene disincagliato il 14.12 dai rim. BRAVO III, CHIOGGIA, PARENZO, DANTE e  GARIBALDINO

  .  .1942: requisito dal Ministero delle Comunicazioni continuando il servizio di trasporto truppe per                              la Grecia fino al  . 5.1942

  .  .1942: aggregato alla Forza Navale Speciale come trasporto per la progettata invasione di Malta

  .11.1942: trasporto di truppe per la Corsica

19. 4.1943: silurato ed affondato presso Punta Nera (42°46'N-09°46'E) dal smg. britannico SARACEN mentre era in navigazione da Livorno a Bastia (800+).


  • Corto Maltese e Giuseppe Garufi piace questo
  • Torna su
  • Inviato 05 luglio 2015 - 11:29

#13

Corto Maltese
  • Corto Maltese
  • AIDMEN Fellows
  • 321 messaggi

Grazie Nereo (e Loligo). Nell'articolo apparso sul Piccolo si riferisce che i caduti furono 943 "di cui 534 granatieri e 409 militari di altre armi; 357 i sopravvissuti". Per aggiornare il Lessico sarebbe importante trovare conferme ufficiali a questo dato. Appena rientro darò un'occhiata sui sacri testi.


  • Nereo Castelli piace questo
  • Torna su
  • Inviato 05 luglio 2015 - 12:33

#14

Francesco Mattesini
  • Francesco Mattesini
  • AIDMEN Fellows
  • 726 messaggi

Nel libro dell'Ufficio Storico Marina, Navi Mercantili perdute (p. 194), riguardo al Francesco Crispi é riportato soltanto:

 

"Il 19 aprile 1943, durante la navigazione da Livorno a Bastia, alle ore 14.32 fu silurato dal sommergibile britannico Saracen. Affondò alle ore 14.48 nel punto a 18 miglia per 268° dalla sommità di Campo alle Serre (Punta Nera) nell'isola d'Elba (40°45'N, 09°42')."

 

Da uboat.net:

 

19 Apr 1943

HMS Saracen (Lt. M.G.R. Lumby, DSO, DSC, RN) intercepts and Italian convoy and torpedoed and sank the Italian passenger/cargo ship Francesco Crispi (7600 GRT, built 1926) about 18 nautical miles west of Elba island, Italy in position 42°46'N, 09°42'E.

(All times are zone -1)
1250 hours - Heard HE bearing 080°.

1258 hours - Sighted an enemy convoy made up of one Armed Merchant Cruiser, one two-funnel liner, one merchant ship and one three-funnel destroyer. Enemy course was 220°, speed 9 knots, range 12000 yards. Started attack on the liner.

1317 hours - The convoy altered course towards.

1325 hours - In position 42°46'N, 09°42'E fires six torpedoes from 5000 yards. The liner and the merchant ship were both targeted as they formed one continues line. Four explosions were heard which are thought to be torpedoes hitting both targets. During the next three-quarters of an hour 46 depth charges were dropped which did no damage.

1448 hours - Returned to periscope depth. The destroyer and the AMC were just visible to the East. In the position of the attack a ship was seen to be sinking.

The Francesco Crispi was in convoy with the Italian merchant Rossini (2424 GRT, built 1928). They were escorted by the Italian Armed Merchant Cruiser Caralis and the Italian torpedo boat Giuseppe La Masa.

Francesco Crispi was transporting 1085 soldiers from Leghorn to Bastia, she was hit by three torpedoes and sank in deep waters. Immediately a large scale rescue search was organized with the tugs Turbine and Volcano, the steamers Angela and Capitano Sauro, the minesweeper Lucia Madre and MAS 558 (with Admiral Matteucci on board). By the following day 676 survivors and 16 bodies were picked up. (3)

 

A volte per avere una notizia sarebbe meglio chiedere piuttosto che polemizzare in modo antipatico.

 

Francescfo Mattesini


  • Torna su
  • Inviato 05 luglio 2015 - 16:22

#15

Nereo Castelli
  • Nereo Castelli
  • AIDMEN Council Members
  • 171 messaggi
  • LocationTrieste

Nel libro dell'Ufficio Storico Marina, Navi Mercantili perdute (p. 194), riguardo al Francesco Crispi é riportato soltanto:

 

"Il 19 aprile 1943, durante la navigazione da Livorno a Bastia, alle ore 14.32 fu silurato dal sommergibile britannico Saracen. Affondò alle ore 14.48 nel punto a 18 miglia per 268° dalla sommità di Campo alle Serre (Punta Nera) nell'isola d'Elba (40°45'N, 09°42')."

 

Da uboat.net:

 

19 Apr 1943

HMS Saracen (Lt. M.G.R. Lumby, DSO, DSC, RN) intercepts and Italian convoy and torpedoed and sank the Italian passenger/cargo ship Francesco Crispi (7600 GRT, built 1926) about 18 nautical miles west of Elba island, Italy in position 42°46'N, 09°42'E.

(All times are zone -1)
1250 hours - Heard HE bearing 080°.

1258 hours - Sighted an enemy convoy made up of one Armed Merchant Cruiser, one two-funnel liner, one merchant ship and one three-funnel destroyer. Enemy course was 220°, speed 9 knots, range 12000 yards. Started attack on the liner.

1317 hours - The convoy altered course towards.

1325 hours - In position 42°46'N, 09°42'E fires six torpedoes from 5000 yards. The liner and the merchant ship were both targeted as they formed one continues line. Four explosions were heard which are thought to be torpedoes hitting both targets. During the next three-quarters of an hour 46 depth charges were dropped which did no damage.

1448 hours - Returned to periscope depth. The destroyer and the AMC were just visible to the East. In the position of the attack a ship was seen to be sinking.

The Francesco Crispi was in convoy with the Italian merchant Rossini (2424 GRT, built 1928). They were escorted by the Italian Armed Merchant Cruiser Caralis and the Italian torpedo boat Giuseppe La Masa.

Francesco Crispi was transporting 1085 soldiers from Leghorn to Bastia, she was hit by three torpedoes and sank in deep waters. Immediately a large scale rescue search was organized with the tugs Turbine and Volcano, the steamers Angela and Capitano Sauro, the minesweeper Lucia Madre and MAS 558 (with Admiral Matteucci on board). By the following day 676 survivors and 16 bodies were picked up. (3)

 

A volte per avere una notizia sarebbe meglio chiedere piuttosto che polemizzare in modo antipatico.

 

Francescfo Mattesini

 

Grazie, ma "Navi Mercantili Perdute" e Uboat Net sono fonti note, cercavo qualcosa di nuovo su questa terribile tragedia, per esempio il numero esatto delle perdite, D.L.Williams nel suo "Dictionary of Passenger Ship Disasters" (Ian Allan 2009) scrive "more than 800", ora si parla di molte di più.


  • Torna su
  • Inviato 05 luglio 2015 - 22:35





Anche taggato con Relitti, Piroscafo Francesco Crispi, HMS Saracen, Ing. Guido Gay

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi