Vai al contenuto

AIDMEN utilizza dei cookie per le proprie funzionalità e migliorare l'esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni leggi l'Informativa ex 13 D.Lgs. n. 196/2003 .    Cliccando il tasto a destra acconsenti all’uso dei cookie    Accetto l'utilizzo dei cookie

CORSARI IN ADRIATICO: L'impresa delle motosiluranti tedesche S.54 e 61

Iniziato da Francesco Mattesini , 06.11.2019 - 12:44

  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1

Francesco Mattesini
  • Francesco Mattesini
  • AIDMEN Fellows
  • 723 messaggi

Poiché nella Lista Aidmen si fanno miracoli nelle ricerche, chiedo umilmente agli esperti se è possibile poter avere una fotografia delle seguenti navi affondate tra il 9 e l’11 settembre 1943 in Adriatico, tra Ancona e Venezia. Riguarda il lavoro che sto facendo sui “Corsari in Adriatico” (le motosiluranti tedesche S 54 e S 61), titolo del libro di Erminio Bagnasco, episodio da me riportato già nel 1980 in la partecipazione tedesca alla guerra aeronavale nel Mediterraneo (1940-1945).

 

Motonave  Leopardi

Piroscafi, Pontinia, Sabaudia e  Albatros

Motoveliero requisito Vulcania

Cannoniera Aurora, mimetizzata

 

 

Riporto in sunto l’episodio, che sarà completamente aggiornato:

 

Da parte tedesca, l’impresa più significativa,  realizzata nei giorni dell’armistizio dell’Italia, dopo l’affondamento della Roma,  avvenne per opera dalle motosiluranti della 3a Flottiglia S 54 sottot. Vasc. Klaus Degenhard-Schmidt)  e S 61 (nocchiere Blomker). Avendo ricevuto l’ordine di operazione “Ernte” del piano “Achse”,  con l’ausilio della motozattera MFP 478, esse, prima di lasciare il porto di Taranto, minarono il Mar Grande con trenta torpedini tedesche TMA/B prelevate la sera dell’8 settembre dal deposito Buffoluto. Ciò avvenne, purtroppo, su ingenua autorizzazione dell’ammiraglio Bruto Brivonesi, al quale gli ufficiali tedeschi avevano dato l’assicurazione che non avrebbero compiuto “atti ostili entro le acque territoriali italiane”. Le mine causarono, la sera del 9 settembre,l’affondamento del posamine veloce britannico Abdiel, intento a sbarcare truppe e materiali della 1a Divisione aviotrasportata, a cui seguì il 22 settembre l’affondamento del rimorchiatore militare italiano Sperone.

La posa delle mine si era svolta sotto la direzione del tenente di vascello Erns Winkler, del Comando Servizio Minamento della Marina Germanica, che aveva preso imbarco sulla FMP 478.

Quindi, dopo aver affondato il pomeriggio del 9 settembre il motoveliero requisito italiano Vulcania presso Gallipoli, ed anche la loro lenta motozattera – per impedire che venisse raggiunta dall’incrociatore Scipione, avvistato mentre si stava recando verso l’Adriatico per proteggere il Re d’Italia e il suo seguito che si erano imbarcati ad Ortona sulla corvetta Baionetta – le due motosiluranti tedesche si rifornirono in porti del Montenegro. Risalendo poi l’Adriatico, colarono a picco nelle acque tra Ancona e Venezia la cannoniera Aurora (ten. vasc. Attilio Gamaleri) e il cacciatorpediniere Sella (cap. corv. Corrado Cini), che furono rispettivamente silurati dalla S. 61 e dalla S. 54. Quindi le unità tedesche catturarono i piroscafi Leopardi, Pontinia, Sabaudia e  Albatros, il primo, che al pari delle altre navi era diretto a sud, aveva a bordo 700 soldati italiani.

Dopo aver raggiunto Venezia il comandante dei due piccoli scafi tedeschi, il tenente di vascello Degenhard-Schmidt, si presentò, delegato dal feldmaresciallo Kesselring, al Comandante italiano del Dipartimento, ammiraglio Brenta, già per molto tempo Capo Reparto Operativo di Supermarina, e contribuì a convincerlo ad arrendersi con l’intera guarnigione di 16 000 uomini. Riteniamo che su questo episodio triste (termine gentile stampato nel Bollettino d’Archivio della Marina Militare) non vi siano da fare altri commenti.   

 

Francesco Mattesini


Messaggio modificato da Francesco Mattesini, 07 novembre 2019 - 04:33

  • Giuseppe Garufi e Danilo Pellegrini piace questo
  • Torna su
  • Inviato 06 novembre 2019 - 12:44

#2

Francesco Mattesini
  • Francesco Mattesini
  • AIDMEN Fellows
  • 723 messaggi

Per l'Amministratore vdel Sito:

 

CORSARI IN ADRIATICO: L'impresa delle motosiluranti tedesche S.54 e 61        56

Togliere il 56. Non c'entra nulla. Mettere: S.54 e S.61


  • Torna su
  • Inviato 07 novembre 2019 - 04:37

#3

Francesco De Domenico
  • Francesco De Domenico
  • Administrators
  • 1198 messaggi

La cannoniera AURORA mimetizzata la trovi anche  su naviearmatori, cercando la voce Aurora è alla pagina 8.


  • Torna su
  • Inviato 07 novembre 2019 - 18:32

#4

Francesco Mattesini
  • Francesco Mattesini
  • AIDMEN Fellows
  • 723 messaggi

Grazie Francesco


  • Torna su
  • Inviato 08 novembre 2019 - 08:35

#5

Francesco Mattesini
  • Francesco Mattesini
  • AIDMEN Fellows
  • 723 messaggi

L'ho trovata ed inserita nella mia bozza di lavoro.

 

Nuovamente grazie rancesco


  • Torna su
  • Inviato 08 novembre 2019 - 18:46




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi