Vai al contenuto

AIDMEN utilizza dei cookie per le proprie funzionalità e migliorare l'esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni leggi l'Informativa ex 13 D.Lgs. n. 196/2003 .    Cliccando il tasto a destra acconsenti all’uso dei cookie    Accetto l'utilizzo dei cookie

Nuovo test missilistico della marina USA

Iniziato da Francesco De Domenico , 04.10.2019 - 09:56

  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1

Francesco De Domenico
  • Francesco De Domenico
  • Administrators
  • 1199 messaggi

https://edition.cnn....-hnk/index.html


  • Giuseppe Garufi piace questo
  • Torna su
  • Inviato 04 ottobre 2019 - 09:56

#2

Giancarlo Castiglioni
  • Giancarlo Castiglioni
  • AIDMEN Council Members
  • 104 messaggi
  • LocationMilano

Si tratta solo di un lancio di prova, su cui si è costruito una dimostrazione di forza contro la Cina.

Del resto le navi moderne servono solo a questo, non certo a combattere.

Guardando la fotografia dalla USS Gabrielle Giffords mi sono chiesto come si comporterebbe in un tifone nel Pacifico.

Credo male, certo molto peggio della fregata in disarmo USS Ford che faceva da bersaglio.

Dopo aver letto che una impresa civile costruttrice di radar si è vantata di aver seguito a lungo il volo di 2 F35 stealth che decollavano da un aeroporto in Germania per rientrare da un Air show, comincio a dubitare che queste navi siano realmente stealth.

Magari lo erano quando sono state progettate e costruite, ma credo che ci voglia molto meno tempo per migliorare la tecnologia radar in modo da rilevarle egualmente.

In questi casi dobbiamo credere a quel che ci raccontano e non credo che chi avesse una tecnologia per neutralizzare le navi stealth ce lo verrebbe a raccontare.

Concludendo direi che per correre dietro ad una qualità stealth dubbia, si sia perso di vista che una nave militare deve in primo luogo essere in grado di navigare in ogni condizione di tempo.

Chiedo l'opinione dei soci interessati alle navi moderne.


  • Torna su
  • Inviato 04 ottobre 2019 - 17:55

#3

Giuseppe Garufi
  • Giuseppe Garufi
  • Moderators
  • 1328 messaggi
  • LocationMessina

Se mi posso permettere di esprimere la mia modesta opinione sull'argomento, penso che la nave invisibile non esiste,  come non esiste l'aereo invisibile.

Esistono navi ed aerei a bassa osservabilità, cioè che vengono rilevati dai radar e dai sistemi di avvistamento lontano molto in ritardo rispetto a navi ed aerei che non implementino alcuna simile tecnologia, dando con tale capacità un vantaggio sulle difese avversarie. Il massimo di stealthiness (che mi sembra non si traduca invisibilità ma furtività) era forse l'F-117, già da tempo radiato dall'USAF, uno dei quali però fu abbattuto dai Serbi con un antiquato SA-3 Goa.

Il fatto che due F-35 siano stati seguiti da radar civili non mi meraviglia affatto, è notorio che, per motivi anti-spionaggio, tali aerei volano con dei deflettori (o come diavolo si chiamano) che li rendono molto più visibili ed impediscono ai radar "avversari" di tracciarne il vero profilo; sembra che tale precauzione sia stata addirittura usata anche in qualche attacco americano o israeliano su Iraq e Siria.

 

Passando all'argomento di nostro interesse, mi sembra che nelle Marine Militari in questo momento vi sia tanta incertezza sull'argomento; la MMI è passata da navi furtive, come DORIA e BERGAMINI, ai PAOLO THAON DE REVEL che non sembrano proprio offrire capacità furtive. Staremo a vedere.

Per quanto riguarda le navi delle due classi LCS, le FREEDOM e le INDIPENDENCE (cui appartiene la GABRIELLE GIFFORDS), penso che scontino il cambio della strategia della U.S. Navy, passata da un'esagerata enfasi verso la guerra costiera (littoral) alla necessità di rispolverare i fondamentali dalla sfida navale cinese; navi nate per combattere in scenari costieri contro avversari asimmetrici e deboli devono ora essere riciclate per affrontare l'Oceano. Il problema non penso stia nel tenere il mare (la Navy ha un'enorme esperienza in proposito) ma di armarle per il nuovo nemico.

D'altra parte, gli Americani non sembrano avere fortuna con le le navi medio-piccole, ricorderete tutti le polemiche relative alle fregate-caccia di scorta delle classi KNOX e PERRY.

Buon fine settimana.

 

 

 


  • Torna su
  • Inviato 05 ottobre 2019 - 09:23

#4

Giancarlo Castiglioni
  • Giancarlo Castiglioni
  • AIDMEN Council Members
  • 104 messaggi
  • LocationMilano

Avevo sentito che gli aerei stealth montano questi riflettori radar, anche per consentire di seguirli ai controllori del traffico aereo civile.

Per noi è impossibile sapere quale sia la situazione reale.

Non mi fido di notizie non controllate, specialmente in ambito militare.

E' il vecchio problema di chiedere all'Oste se il suo vino è buono.

A prima vista non vedo differenza tra Doria, Bergamini e Thaon di Revel.

Tutte accoppiano sovrastrutture apparentemente stealth con scafi tradizionali in grado di tenere il mare.

Perché ti sembra che la Thaon di Revel non abbia capacità furtive?

Sulle LCS non metto in dubbio l'esperienza della US Navy nella navigazione con ogni condizione di tempo, ma non vedo come questa esperienza possa impedire alla prua sottile di queste navi di infilarsi nelle onde in caso di mare in tempesta da prua.


  • Torna su
  • Inviato 05 ottobre 2019 - 18:13

#5

Giuseppe Garufi
  • Giuseppe Garufi
  • Moderators
  • 1328 messaggi
  • LocationMessina

Perché ti sembra che la Thaon di Revel non abbia capacità furtive?

 

Per le linee di costruzione che non mi sembra si adattino ad essere furtive.

 

 

P.S.: scusa per il ritardo nella risposta.


  • Torna su
  • Inviato 08 ottobre 2019 - 06:59




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi