Vai al contenuto

AIDMEN utilizza dei cookie per le proprie funzionalità e migliorare l'esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni leggi l'Informativa ex 13 D.Lgs. n. 196/2003 .    Cliccando il tasto a destra acconsenti all’uso dei cookie    Accetto l'utilizzo dei cookie

Incrociatori ausiliari XXI secolo?

Iniziato da Giancarlo Castiglioni , 11.01.2019 - 18:10

  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1

Giancarlo Castiglioni
  • Giancarlo Castiglioni
  • AIDMEN Council Members
  • 103 messaggi
  • LocationMilano

La Us Navy potrebbe convertire i mercantili in navi da guerra.

L’idea è quella di installare centinaia di lanciatori missilistici multiuso su mercantili e petroliere civili per fornire ulteriore potenza di fuoco alla US Navy.

Vedi l'articolo uscito sul giornale:

 

http://www.ilgiornal...ra-1627264.html

 

Sarebbe un modo di realizzare navi molto più armate e quasi inaffondabili con costi di costruzione e gestione ridotti.

Si rinuncerebbe a prestazioni di dubbia utilità, come alla velocità.

E solo fino ad un certo punto, perché certe moderne portacontainer sono piuttosto veloci.

Non credo se ne farà mai nulla, troppi interessi per continuare a costruire navi militari costose.

 

 

 


  • sandokan piace questo
  • Torna su
  • Inviato 11 gennaio 2019 - 18:10

#2

CARABINIERE
  • CARABINIERE
  • AIDMEN Council Members
  • 191 messaggi

Negli anni 60 - in termini di deterrenza strategico -era stato approvato un piano di dislocazione di missili Polaris (con sistemazioni derivate da quelle italiane del Garibaldi) su navi "mercantili", meglio di aspetto mercantile.

Furono recuperate dalla "naftalina" dieci unità Victory ed avviato al ripristino, ma il programma fu poi interrotto sia per considerazioni pratiche (la incipiente sorveglianza satellitare rendeva pressoché inutile qualsiasi forma di diradamento delle forze strategiche) sia per l' avanzare delle trattative sulla limitazioni delle armi strategiche e nucleari.

Gli studi e le prove relative all' utilizzazione di sistemi containerizzati su navi portacontainers, con costi minimi e disponibilità pressoché immediata, sono continuati, ed hanno risultati molto positivi già nella gruuerra delle Falkland/malvine, pur con navi portacontainer che erano scarsamente un quarto in termini di portata e dimensioni, di quelle attuali.

Certamente l' installazione di moduli con sensori e moduli con armamento rientra nei piani di guerra e di autodifesa dei traffici, e moduli containerizzati sono offerti normalmente da tutti i produttori di sistemi, con l' intercambiabilità evidente tra sistemi imbarcati, sistemi terrestri e pure difesa costiera.

Vanno ben per le navi, ma vanno bene per la rapida costituzione di basi avanzate.


  • Torna su
  • Inviato 20 gennaio 2019 - 18:31




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi