Vai al contenuto

AIDMEN utilizza dei cookie per le proprie funzionalità e migliorare l'esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni leggi l'Informativa ex 13 D.Lgs. n. 196/2003 .    Cliccando il tasto a destra acconsenti all’uso dei cookie    Accetto l'utilizzo dei cookie

La guerra al traffico «senza restrizioni» di A. De Toro

Iniziato da CARABINIERE , 22.07.2018 - 17:28
Guerra sottomarina tedesca 1^ Guerra Mondiale Guerra senza restrizioni sommergibili tedeschi

  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1

CARABINIERE
  • CARABINIERE
  • AIDMEN Council Members
  • 191 messaggi

Su Academia.Edu ho trovato il seguente saggio, che consiglio - per la sua lucidità e sintesi ma anche per una serie di dati non cosi ben presentati in altre pubblicazioni

 

 

La guerra al traffico «senza restrizioni» e il «concetto discriminatorio» di guerra economica (1914-1918)

di Augusto De Toro

 

Il saggio di Del Toro tocca e sviluppa, tra l’ altro, tre aspetti spesso troppo sottintesi, che ebbero grande influenza e non furono sufficientemente appresi dai tedeschi nella preparazione e pianificazione  2^ GM:

·     la guerra subacquea quale forma di guerra economica, anche con aspetti industriali interni della Germania 

·     la capacità contrattuale inglese nei confronti dei paesi neutrali, sino al punto di interpretare a proprio vantaggio il diritto internazionale

·     il fatto che contrariamente a quanto si è voluto accumunare alla 2^ GM, l’ industria navale tedesca riuscì sempre non solo a sopperire alle perdite di sommergibili, ma ad incrementare la forza

In brevi tratti, Del Toro sintetizza come la vittoria finale alleata sia stata, ancor più che il risultato di mezzi e procedure operative della più̀ diversa natura, il risultato di una sapiente mobilitazione mondiale di risorse e mezzi, includente belligeranti e non, che schiaccio la Germania (Austria/Ungheria ininfluente in questo quadro di guerra navale).

Il lavoro mette in luce come la pianificazione generale tedesca sia stata corretta ed efficace, di tipo economica, mirata alla guerra di corsa, non alla semplice distruzione di beni trasportati, bensì̀ a quella fra tonnellaggio affondato e costruito, con il raggiungimento dei risultati stimati.

Evidenzia anche come l’immediato apporto statunitense non fu il trasferimento di truppe in Europa, ma proprio nella lotta antisommergibile, e nelle forniture navali agli alleati. 

Per averne ragione del sistema economico anglosassone e mondiale, la Germania avrebbe avuto bisogno di un numero di battelli e di equipaggi enormemente superiore a quello che poteva mettere in linea con le proprie capacità

Sotto il profilo dell’economia delle forze il sommergibile dimostrò di non avere rivali, ma è anche vero che il grande impegno alleato, un’alleanza di portata mondiale – militare, navale, economico e organizzativo – prevalse sulla guerra subacquea tedesca con uno sforzo complessivo incomparabilmente inferiore a quello che richiese alla Germania.

Nulla da dire sulla chiarezza delle concatenazioni e sui dati statistici presentati in forma concisa ed estremamente fruibile.

 

 

 

 


  • Luiz, Francesco De Domenico, sandokan e un altro piace questo
  • Torna su
  • Inviato 22 luglio 2018 - 17:28

#2

Luiz
  • Luiz
  • Moderators
  • 504 messaggi

grazie per la segnalazione


Una persona stupida è chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita (C.M. Cipolla)

  • Torna su
  • Inviato 05 agosto 2018 - 17:47




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi