Vai al contenuto

AIDMEN utilizza dei cookie per le proprie funzionalità e migliorare l'esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni leggi l'Informativa ex 13 D.Lgs. n. 196/2003 .    Cliccando il tasto a destra acconsenti all’uso dei cookie    Accetto l'utilizzo dei cookie

Vittoriale e nave reale Savoia II

Iniziato da Giancarlo Castiglioni , 18.05.2018 - 23:36

  • Per cortesia connettiti per rispondere
Nessuna risposta a questa discussione

#1

Giancarlo Castiglioni
  • Giancarlo Castiglioni
  • AIDMEN Council Members
  • 104 messaggi
  • LocationMilano

Questa settimana sono stato Vittoriale, anticipando una nostra ipotetica futura gita sociale.

La visita è estremamente interessante sotto molti aspetti, politica, letteratura, storia, costume.

L’argomento di nostro interesse,la storia navale, è decisamente minore, ma non trascurabile.

Il MAS 96 della beffa di Buccari è esposto in un locale molto buio, per cui non è molto visibile; è una esposizione museale “moderna”, certamente suggestiva, ma molto discutibile.

Su una parete laterale, sempre al buio, sono esposti i due motori, purtroppo coperti di polvere, il ché è strano, perché la manutenzione e la pulizia nel Vittoriale sono generalmente buone.

Da vedere ovviamente la nave Puglia; ho scoperto che sono originali gli alberi, le sovrastrutture e il ponte di comando, ma che la struttura della prua fu completamente ricostruita copiata dall’originale.

All’interno della prua è allestito un museo con la collezione di modelli donata dal Duca D’Aosta.

I modelli sono molto accurati, per lo più in scala 1:100 e i soggetti scelti per il loro legame alla casa Savoia e al ramo Aosta, per cui gli incrociatori Eugenio di Savoia, Duca degli Abruzzi, Prinz Eugen, la Stella Polare, il panfilo reale Savoia.

Nelle didascalie c’è uno svarione, sono state scambiare le fotografie del panfilo reale Savoia e dell’Elettra di Marconi; non ci voleva un esperto per accorgersene, dato che una ha due fumaioli e l’altra uno ed i modelli sono a pochi metri di distanza.

Sulla scheda del Savoia è indicato “varo 1922”, che mi aveva insospettito, perché mi ricordavo che era stato utilizzato uno scafo costruito in precedenza per altro scopo.

Così ho verificato e su Wikipedia ho trovato “impostazione 5 maggio 1923, varo 1 settembre 1923” per “Città di Palermo”.

Quattro mesi tra impostazione e varo mi sembrano decisamente pochi.

Sul sito Agenzia Bozzo invece è indicato “impostazione 5 maggio 1921, varo 1 settembre 1923” per “nave passeggeri per Home Line”. Ma a me la Home Line risulta fondata nel 1946.

Riuscite a chiarire?

 


  • Torna su
  • Inviato 18 maggio 2018 - 23:36

#2

Alfabravo 59
  • Alfabravo 59
  • Members
  • 2 messaggi

Paolo PICCIONE scrisse tempo fa un "libello" di circa 32 pagine intitolato "VIAGGIARE DA RE", dedicato, appunto, alla Nave Reale SAVOIA.

 

Questa nave fu impostata nell' Arsenale di La SPezia il 5 Maggio 1921 e varata il 1 Settembre 1923.

 

Data la grande competenza dell' Autore, ritengo che sia corretto quanto scritto dall' Agenzia BOZZO.


  • Torna su
  • Inviato 19 maggio 2018 - 15:50

#3

Francesco De Domenico
  • Francesco De Domenico
  • Administrators
  • 1195 messaggi

E' stata impostata come CITTA' Di PALERMO per Il Servizio di Navigazione delle Ferrovie dello Stato dall'Arsenale Militare di La Spezia,  poi rilevata dalla Regia Marina nel 1922 come SAVOIA, varata 1.9.1923 e in servizio 1.8.1925, Gemella all'origine del CITTA' di MESSINA delle FF.SS.poi portaidrovolanti GIUSEPPE MIRAGLIA, della Regia Marina, varato 20.12.1923 e in servizio 1.11.1927.  Da non confondere con l'omonimo cargo SAVOIA della Navigaz. Libera Triestina poi del Lloyd Triestino,  5.828tsl, varato a maggio 1922 dal Cantiere San Marco  e consegnato a dicembre.


  • Torna su
  • Inviato 19 maggio 2018 - 16:50

#4

Alfabravo 59
  • Alfabravo 59
  • Members
  • 2 messaggi

 

 

Da vedere ovviamente la nave Puglia; ho scoperto che sono originali gli alberi, le sovrastrutture e il ponte di comando, ma che la struttura della prua fu completamente ricostruita copiata dall’originale.

 

Il PUGLIA aveva due fumaioli che nelle navi di quel periodo erano un elemento caratteristico (si può parlare di "fumaiologia navale").

Ora mi è incomprensibile il motivo per cui un esteta raffinato come Gabriele DANNUNZIO non li abbia fatto installare: l' aspetto del monumento ne avrebbe guadagnato!

 

Qualcuno sa se il progetto iniziale prevedesse eventualmente il montaggio dei fumaioli e per quali motivi poi non son stati posti in opera?


  • Torna su
  • Inviato 19 maggio 2018 - 22:59

#5

Loligo
  • Loligo
  • AIDMEN Council Members
  • 256 messaggi

Non volete capire che wikipedia per le navi non è affidabile.....
 
Ecco una parte della scheda del Lessico e vedete che non c'è uno che la dica giusta.
Bisogna consultare i volumi e i documenti dell'epoca  e non le elaborazioni cervellotiche dei siti.....
 
Loligo
 
Allega File  Email001.jpg   56,89K   0 Numero di downloads

  • Torna su
  • Inviato 20 maggio 2018 - 08:36

#6

Giancarlo Castiglioni
  • Giancarlo Castiglioni
  • AIDMEN Council Members
  • 104 messaggi
  • LocationMilano

Ripeto una osservazione già da me fatta su Wikipedia.

Non è affidabile per le navi italiane, per quelle di altre nazioni, specie USA, inglesi, tedesche, è molto affidabile.

La colpa è degli esperti italiani che trovano gli errori e non mandano le correzioni.

Per il mancato montaggio dei fumaioli bisogna pensare ai problemi di trasporto.

Tutto il materiale è stato trasportato su vagoni ferroviari e poi su autocarri, i fumaioli non potevano essere trasportati interi, si sarebbero dovuti ricostruire sul posto.

Credo che sin dall'inizio si sia deciso di limitare la ricostruzione alla prua fino al ponte di comando e per la parte posteriore limitarsi alla sagoma in muratura.


  • Torna su
  • Inviato 20 maggio 2018 - 09:50

#7

Luiz
  • Luiz
  • Moderators
  • 504 messaggi

Wikipedia è tanto più buona quanto più editor competenti la emendano, inutile condannarla a prescindere


  • Giuseppe Garufi piace questo

Una persona stupida è chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita (C.M. Cipolla)

  • Torna su
  • Inviato 21 maggio 2018 - 19:12

#8

Luiz
  • Luiz
  • Moderators
  • 504 messaggi

 


All’interno della prua è allestito un museo con la collezione di modelli donata dal Duca D’Aosta.

I modelli sono molto accurati, per lo più in scala 1:100 e i soggetti scelti per il loro legame alla casa Savoia e al ramo Aosta, per cui gli incrociatori Eugenio di Savoia, Duca degli Abruzzi, Prinz Eugen, la Stella Polare, il panfilo reale Savoia.

 

ho fatto delle foto a quei modelli, ti interessano?


Una persona stupida è chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita (C.M. Cipolla)

  • Torna su
  • Inviato 29 maggio 2018 - 11:13

#9

Giancarlo Castiglioni
  • Giancarlo Castiglioni
  • AIDMEN Council Members
  • 104 messaggi
  • LocationMilano

Per Luis.

No grazie.


  • Torna su
  • Inviato 04 giugno 2018 - 07:53




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi