Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'LCS'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Categories

  • Chi siamo
  • Articoli
  • Bollettino
  • Bibliografia navale
  • Recensioni
  • News

Forums

  • AIDMEN: Sezione Riservata - Members Only
  • Attività Associative - Association Activities
    • Attività sociali
  • Discussione Generale - General Talk
    • Condizioni d'uso del Forum - Forum Rules
    • Presentazioni e Benvenuto ai Nuovi Iscritti - New Members Introduction
    • Fuori Discussione - Off Topic
    • Quiz e Caccia all'Errore - Quiz and Error Hunt
  • Discussioni a Tema - Threaded Discussions
    • Album Fotografico - Photo Gallery
    • Storia - History
    • Marine Militari - Navies
    • Navi Mercantili e Navi da Crociera - Merchant Ships and Cruise Ships
    • Modellismo - Modelling
    • Collezionismo - Collecting
    • Subacquea - Diving
  • Editoria, Mostre, Convegni e Musei - Publishing, Exhibitions, Conventions and Museums
    • Recensioni - Reviews
    • Mostre, Convegni e Musei - Exhibitions, Conventions and Museums

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


MSN


Website URL


Yahoo


Skype


Location


Interests


Last name


Real name

Found 7 results

  1. Da UAV a UAS Nei giorni scorsi si è completata la costituzione della prima unità organica della US Navy dedicata agli aeromobili a controllo remoto. La decisione di costituire una specialità con un proprio organico, diversa della prassi sinora seguita di mezzi assegnati alle unità operative od alle unità navali, risaliva allo scorso mese di aprile Dal 18 ottobre è formalmente operativo il sistema AERON (Unmanned Aircraft System) basato presso la Stazione Aeronavale di Patuxent River , dove ha anche sede il NAWCAD, Naval Air Warfare Centre La prima unità, Air Test and Evaluation Squadro
  2. In questo periodo assistiamo a continui annunci – probabilmente interessati – sui risultati di ciascuno dei “pacchetti “che dovrebbero (condizionale assolutamente d’ obbligo) completare e soddisfare le esigenze operative delle LCS, in particolare di quelle costruite dall’ Austal, in alluminio e scafo a catamarano. Viene il dubbio che ancora una volta si stia cercando di stendere una cortina fumogeno su questo infelice e sfortunato programma, che la US Navy ha ridimensionato e sembra addirittura si stia abbandonando. Le LCS erano il ritorno di un mito, quello della convertibilità superiore solo
  3. In questi giorni si celebra la ricorrenza di quella che viene considerata una impresa “sportiva”, la traversata dell’ Atlantico da Ovest verso est del Destriero con la conquista del Nastro Azzurro. Solo marginalmente si trattava di una impresa “sportiva, ma della conclusione di una serie di sperimentazioni al limite della scommessa che aveva coinvolto la Fincantieri (prima con una unità presto dimenticata, il saettia, e poi con il destriero che utilizzoò in gran parte la tecnologia e l’ esperienza degli aliscafi (non certo, a parte l’ immagine, la migliore soluzione navale) In quel momento s
  4. mi ero chiesto se continuare la vecchia discussione sulle LCS, poi mi sono convinto che anche in questo caso bisogna cambiare pagina Si chiude la sfortunata saga delle LCS. Torna il vecchio concetto di fregata? Non è che lobbies siano sparite, ma almeno si cambia pagina, dopo più di un decennio che negli Stati Uniti si costruivano “navi per far numero”, realizzando contenitori che non era chiaro come riempire. Alle dichiarazioni relative ad un cambio di marcia, e di numeri, sull’ intera struttura della US Navy, ed in particolare sul programma LCS, ormai senza giustificazioni ne difensor
  5. Un nuovo corso per la US Navy Sembra che con la nuova amministrazione la US Navy tenti di prendersi una rivincita sulle lobbies che durante i lunghi anni dell’ Amministrazione Obama l’ hanno di fatto condizionata, se non comandata. Sta prendendo forma una nuova strategia, la Marina delle 355 navi, come un po’ in sordina era stata annunciata a dicembre scorso, strategia che dovrebbe mettere in cantina certi programmi un po’ fantasiosi, e di dubbia efficacia Si tratta di una strategia che ha un primo orizzonte di 18 anni ed un secondo orizzonte a 30 anni, traguardi che devono essere suppor
  6. Sogni ricorrenti: economia, polivalenza, convertibilità Il brusco risveglio delle LCS, luci ed ombre, declino della convertibilità -------------- Tempo addietro, parlando delle costruzioni tra le due guerre mondiali e della politica costruttiva della Regia Marina, affermavo che un apparato motore dovrebbe essere lo strumento che permette ad una nave “equilibrata” di andare e stare per mare per assolvere i compiti che le sono stati assegnati (sia come specifica di progetto sia per esigenze operative). In Italia nel periodo tra le due guerre , più per scelta politica e pressioni di lobbies c
  7. I risultati, e le feroci critiche ai più recenti programmi della US Navy, mal gestiti da poderose e spesso inadeguate ed improvvisate per quanto blasonate) lobbies navali, hanno messo sulla difensiva i vertici della US Navy Occorre un rilancio dei programmi, occorre rispondere alle feroci critiche del congresso, occorre affrontare gli strali della nuova amministrazione statunitense, e la US Navy si è trovata costretta ad inventarsi e prospettare una nuova strategia 8in effetti ancora fumosa) Per dimostrare che l’evoluzione ed i correttivi sono in marcia, è stato organizzato come inizio di an
×
×
  • Create New...