Jump to content
AIDMEN

Danilo Pellegrini

AIDMEN Council Members
  • Content Count

    315
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    81

Everything posted by Danilo Pellegrini

  1. Grazie a Giuseppe che mi indirizzato nella corretta direzione. Il nuovo obiettivo non dovrebbe presentare difficoltà, sopravvisse al conflitto ...
  2. Si tratta del LORENZO MARCELLO, ex POLA, ex NOVI. della Fiumana, noleggiato dalla SPAN per il servizio di traghetto con le isole dall'aprile 1952 al maggio 1953
  3. Dalla livrea del fumaiolo non sembrerebbe un armamento giuliano, né Adriatico.
  4. Nessun problema, Giuseppe, era solo una mia curiosità e non vale la pena perderci tempo. Quando rientro a casa dovrei avere maggior documentazione tecnica. Mi lasciava perplesso e per questo ho usato la formula dubitativa, la vela laterale. Avendo a disposizione per ora solo il Web, avevo trovato l'unica foto decente, che allego, di entrambi i battelli a Pola, dove la falsa torre mi sembrava diversa. Buona giornata anche a te.
  5. I due battelli, a cui avevo accennato, portati a rimorchio da Kiel a Pola, sono per l'appunto U 3 e U 4 di Germaniawerft ! In aggiunta alla didascalia nella rivista non si dice altro ? Sono certo che un maniglione di quelle dimensioni rizzato a prora facesse parte dell'allestimento per il rimorchio per cui, nello specifico, l'unità doveva essere appena approdata nel porto istriano.La foto dovrebbe essere databile all'aprile 1909 e il battello l'U 3. L'U 4 in secondo piano era invece arrivato a Pola il 24 gennaio dello stesso anno-
  6. La mancanza dei sacri testi,, al mare, mi tarpa le ali 😒 EDIT: ...ma quel grosso maniglione a prora mi fa pensare ai due battelli portati a rimorchio da Kiel a Pola. Al momento non ho riscontro sulla torretta spostata a dritta.
  7. Questo è il corrispondente SM U 12 austroungarico dopo il recupero a Venezia. Al momento avevo inteso erroneamente questo, poi mi sono reso conto che ti riferivi correttamente al battello tedesco varato della Kaiserliche Werft di Danzica nel 1910.
  8. Le tragiche vicende DELL'ARANDORA STAR, unitamente a quelle della NOVA SCOTIA, sono state ben trattate anche nel libro "L'onda gridava forte" della tua conterranea Valeria Isacchini.
  9. Grazie Giuseppe, causa comune anche per me che non ricordavo più la richiesta ! Sul mio PC l'argomento è ancora leggibile in http://www.aidmen.it/topic/1528-mi-cimento-per-la-prima-volta-4/page-2 Lo riterrei però superato; in ogni caso la questione riguardava la corazzata NEPTUNE (1887), smantellata nel 1913 che affermavo esser stata precedentemente affondata come nave bersaglio nel 1912 e recuperata per essere demolita, fatto che non risulterebbe dalla letteratura ufficiale ma riportato dal già citato http://forummarine.f...-classe-marceau e pure da qualche altro sito.
  10. A causa del noto malfunzionamento che ne impedisce la prosecuzione, riprendo qui la discussione precedente. Per uscire dalle secche dove questo mezzo si è impantanato anticipo la soluzione, lasciando il gioco a chi vorrà pubblicare un nuovo quiz. Si tratta dell’ANTONINO MAGLIULO, esemplare di una numerosa serie progettata per l’impiego civile dall’ufficio IKL di Kiel, denominata “mezzi subacquei Tours”. Nello specifico L’ANTONINO MAGLIULO, sommergibile biposto, TOURS 66/300 come da classifica di cantiere, venne ordinato nel 1971 dalla Sarda Estrazione Prodotti Marini, per la ricerca e la raccolta del corallo, migliorando le caratteristiche del TOURS 64/300 costruito per lo stesso scopo per un istituto di Taiwan. Dati e foto ricavati da U-Boat, edizione italiana (1993) del testo di Eberhard Rössler “Geschichte des deutschen Ubootbau” p. 324-325-326.
  11. Per uscire dalle secche dove questo mezzo si è impantanato anticipo la soluzione, lasciando il gioco a chi vorrà pubblicare un nuovo quiz. Si tratta dell’ANTONINO MAGLIULO, esemplare appartenente una numerosa serie di battelli progettati per l'impiego civile dall'ufficio IKL di Kiel, definiti “mezzi subacquei Tours”. Nello specifico L’ANTONINO MAGLIULO, sommergibile biposto, denominato dal costruttore TOURS 66/300 venne ordinato nel 1971 dalla Sarda Estrazione Prodotti Marini, per la ricerca e la raccolta del corallo, migliorando le caratteristiche del TOURS 64/300 costruito per lo stesso scopo per un istituto di Taiwan. Dati e foto ricavati da U-Boat, edizione italiana (1993) del testo di Eberhard Rössler “Geschichte des deutschen Ubootbau” p. 324-325-326.
  12. Si goda il fine settimana, Signore, La attendiamo tranquillamente al suo ritorno. Nel frattempo per chi non fosse Rössler dotato, fornisco un'altra indicazione che potrebbe facilitare la soluzione. La committente era la cagliaritana SELMAR S.r.l. Attenzione richiedo il nome proprio del battello e non la sua sigla identificativa, peraltro parzialmente visibile nella parte superiore della torretta.
  13. Eppure non è un quiz impossibile.... La foto del mezzo è stata scansionata da uno dei testi di Eberhard Rössler dove è descritto nei particolari.
  14. In effetti vi è una certa somiglianza di linee; anche questa costruzione è tedesca, ma del dopo guerra. Analogo anche il sistema di propulsione dotato di doppia motorizzazione termico/elettrica. La differenza sostanziale con il precedente è che quest'ultima costruzione è a doppio scafo per poter raggiungere la profondità operativa di 300 m. Mi sbilancio un po' troppo, ma aggiungo che fu ordinato espressamente da un committente italiano per una particolare e insolita tipologia di lavoro subacqueo.
  15. Lo può sembrare ma è nato proprio così, frutto di un progetto specifico, per un lavoro specifico.
  16. La conformazione e il posizionamento degli sfiati del battello, unico in tutta la Kriegsmarine, è stata determinante per individuarlo ma una parte del merito la devo anche a Iscandar. La ringrazio per i complimenti, Signore. Restando nel tema dei mezzi subacquei, di cosa si tratta ?
  17. E' il battello tedesco U A. Commissionato nel 1936 come BATIRAY per conto della Marina Turca al Germaniawerft di Kiel, non consegnato alla committente e incorporato nella Kriegsmarine nel 1939.
  18. U 1062, Type VII F, trasporto siluri a supporto dei battelli operanti dalle basi messe a disposizione dai Giapponesi in Indonesia ?
  19. Mi lascia perplesso la forma insolita della falsa torre, ma altri elementi ricondurrebbero ad una serie di pochissimi esemplari, destinati ad un impiego particolare.
  20. Nonl lo considererei un abile depistaggio. Cercando di dare altri elementi utili, essendo temporaneamente fuori sede, ho consultato http://forummarine.forumactif.com/t5544-france-cuirasses-classe-marceau (anche altri siti riportano la medesima informazione) : Mis en indisponibilité le 17 juillet 1902, il est placé en réserve normale en 1903. Rayé des des listes le 13 décembre 1907, il sert de cible au large de Cherbourg, étant échoué près de la côté en décembre 1912. Renfloué le 4 avril 1913, il est vendu à la démolition le 11 juillet 1913 et promptement démantelé. La foto proviene da "Storia della Marina" vol 1° dove, peraltro, non si accenna al destino finale della corazzata. Attendiamo ulteriori notizie dai sacri testi di Giuseppe !
  21. Aggiudicato! E' il NEPTUNE (1887),affondato come nave bersaglio nel 1912. A Lei il timone.
  22. Flotta mediterranea, Signore. Si era avvicinato al bersaglio con la sua precedente ipotesi...
  23. Mi dispiace deluderla, Signore ma la nostra unità affondò precedentemente all'insorgere del conflitto e non per motivi bellici.
  24. Un'unità che non eccelle per le sue linee ! L'unica della sua classe ad essere affondata.
×
×
  • Create New...