Jump to content

Danilo Pellegrini

AIDMEN Council Members
  • Content Count

    334
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    82

Danilo Pellegrini last won the day on September 28

Danilo Pellegrini had the most liked content!

About Danilo Pellegrini

  • Rank
    Advanced Member
  • Birthday 06/15/1943

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Venezia
  • Interests
    Storia militare Regia Marina & K.u.K. Sommergibili Immersioni Navigazione Ricerca relitti in mare
  1. Fatto ! Articolo visibile in Fuori discussione http://www.aidmen.it/forums/topic/1595-903-una-visita-in-italia-delle-navi-dello-zar/?tab=comments#comment-10362
  2. Riporto questo articolo di Umberto Burla pubblicato dal mensile "Rivista Storica" anno 9, n°3, marzo 1996 che ritengo interessante.
  3. Era il tre ottobre 1903, la corazzata russa OSLYABYA entra in porto a Spezia. Dovrà sottoporsi in Arsenale a lavori in carena. Tratto da un interessante articolo pubblicato da Rivista Storica di maggio 1996 che, se è lecito, potrei riportare integralmente nella sezione Storia o fuori discussione (?). Le cedo la barra, Signore.
  4. Si tratta dell'olandese ISAAC SWEERS, stessa classe del GERARD CALLEMBURGH, catturato e rimesso in servizio dalla Kriegsmarine come Zerstörer ZH 1
  5. Esattamente il piroscafo passeggeri MAZARA, già DIETRICH VoN BERN sotto bandiera tedesca, incrociatore ausiliario D 24, dragamine/vedetta foranea F 45 per la Regia Marina. A te il timone !
  6. Una nave dalle molte vicissitudini... Anche qui aleggia il profumo delle zagare !
  7. Rientrato in sede dopo la parentesi estiva, posso consultare finalmente i sacri testi 😊 Sento profumo di casa, Giuseppe ! E' la nave traghetto MESSINA (1924)
  8. Grazie Giuseppe. Confrontandolo con altre foto d'epoca mi sono ricreduto anche sulla localizzazione dell'ormeggio. Sullo sfondo si nota un piroscafo di discreto tonnellaggio ai lavori, siamo quindi in presenza di un cantiere navale, è da escludere pertanto il canale di Grado che mi aveva fatto propendere per il battello austriaco che operava in quella zona. Noto inoltre una differenza sostanziale che dà ragione a Iscandar. Nella foto precedente, pur essendo inequivocabile il tipo di battello, non sono visibili gli sfoghi d'aria evidenti nella serie costruita nel corso della guerra. (v. U 21
  9. SI tratta del battello austroungarico U-20, affondato dal nostro smg. F-12 al largo di Grado il 4 luglio 1918, ritrovato e recuperato nel luglio 1962 dall'impresa Sponza e Zuberti.
  10. Anchio ricordo questa immagine... È trascorso ormai molto tempo ma ho avuto l'emozione di toccare con mano alcuni oggetti significativi pertinenti a quel battello; ne ho sentito ticchettare l'orologio di bordo reso ancora perfettamente funzionante e il tutto poco lontano dal canale dove venne scattata questa foto.!
×
×
  • Create New...