Jump to content

Serena

AIDMEN Fellows
  • Content Count

    20
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    13

Serena last won the day on October 25 2018

Serena had the most liked content!

About Serena

  • Rank
    Member

Profile Information

  • Gender
    Female
  • Location
    Parma
  1. Segnalo l'articolo di Caterina Soffici pubblicato su La Stampa del 2 luglio 2020, che copio da Facebook dove l'autrice ha già scritto un ampio stralcio, e quindi non dovrebbe dolersene: Mio articolo oggi sulla Stampa. Arandor Star 80 anni dopo. La storia che ha ispirato "Nessuno può fermarmi", il mio romanzo per Feltrinelli. Una storia di immigrazione e pregiudizio. Italiani a Londra, da amici a stranieri in un giorno. Una storia che la Brexit rende ancora più attuale. Oggi sono passati 80 anni. E’ il 2 luglio 1940 quando l’Arandora Star, lussuosa nave da crociera di prima classe requisita e convertita per usi militari dalla marina inglese, viene silurata al largo delle coste scozzesi portando sul fondo dell’Atlantico 446 civili italiani, colpevoli solo del fatto di essere italiani. Li stavano trasferendo nei campi di internamento in Canada catalogati come personaggi pericolosi, stranieri e quindi nemici. E’ vero, tecnicamente erano dei nemici. Perché l’Italia di Mussolini aveva appena dichiarato guerra alla Gran Bretagna. C’erano anche dei fascisti, quindi nemici veri. Ma molti di loro erano ebrei e antifascisti che dall’Italia fascista erano scappati proprio per cercare rifugio a Londra. Non basta a salvarli. La reazione di Churchill è brutale. Collar the lot, è l’ordine: acciuffateli tutti. Letteralmente: prendeteli per la collottala, come i ladruncoli e i mariuoli. L’ordine viene eseguito alla svelta, senza fare molti distinguo. Buoni e cattivi, non importa. C’è gente che ha combattuto al fianco degli inglesi nella Grande Guerra. Non importa, arrestateli e portateli nei campi di internamento. Sono gente pericolosa, noi siamo inglesi, loro sono qualcosa di diverso da noi. E’ vero, molti sono addirittura qui. Non importa, la nazionalità prevale su tutto il resto. Il 10 giugno, giorno della dichiarazione di guerra di Mussolini, si scatena una vera caccia all’italiano. Tutti i maschi tra i 17 e i 70 anni, per ordine di Churchill, devono finire dietro il filo spinato dei campi di internamento. Li rastrellano nelle case, nei negozi, nei ristoranti dove lavorano. Ne prendono migliaia, a Londra, in Galles, in Scozia, che già allora erano la comunità più numerose. Li conoscono, sanno dove stanno, sono cresciuti insieme agli inglesi. Spesso sono i poliziotti amici ad arrestarli, che a volte piangono, portandoli via. Sono andati nelle stesse scuole, frequentano le stesse chiese. Più che una storia di guerra, una storia di immigrazione e pregiudizio. Si arriva agli arresti dopo una campagna di odio contro il diverso. Il terreno è preparato dai giornali xenofobi che parlano di italiani dagli occhi di scarafaggi, italiani pericolosi e poco affidabili, dei tanti Mario che vengono a rubare il lavoro e le donne ai bravi patrioti britannici. Soffiano sul fuoco. La rabbia nella notte della “pugnalata alla schiena” dell’ex amico Mussolini si scatena in tutta l’isola. A Little Italy (sì, anche a Londra c’è una Little Italy, nella zona tra Farringdon e Clerkenwell e Soho) le vetrine dei ristoranti e degli alimentari vengono sfasciate. Odio e botte, ciò che succede quando la paura prevale sulla ragione. Nelle retate finiscono un sacco di innocenti. Gente che odia Mussolini forse più degli inglesi. Non importa. Sono italiani e quindi fascisti. Immigrazione e pregiudizio. Sarà per questo che adesso se ne ritorna a parlare. Anche la Bbc, che non ha mai dato molto spazio a episodi come questo, manderà in onda una piece teatrale ispirata agli italiani dell’Arandora Star. Dopo la Brexit, storie dimenticate o volutamente messe sotto il tappeto, tornano di attualità. Diventano lo spunto per una riflessione e una sorta di autocoscienza collettiva. Il rapporto con gli immigrati, in quella che fu la patria del multiculturalismo, va ripensato. Gli italiani dell’Arandora diventano un simbolo. Solo una decina di corpi vengono identificati. Gli altri, a centinaia, li riporta il mare sulle coste dell’Irlanda del Nord e della Scozia. Cadaveri senza arti, senza occhi, senza nome. Gli abitanti li seppelliscono come possono, mossi dalla pietas che rende gli uomini tutti uguali di fronte alla morte. Sanno che sono italiani perché non indossano la divisa, sono civili innocenti. C’è anche tanto di quello che accade oggi nel Mediterraneo, in questa storia. Anche gli italiani dell’Arandora Star erano scappati dai paesi più poveri d’Italia in cerca di una vita migliore. Primo tra tutti da Bardi, sull’appennino parmense, che ha il maggior numero di morti sulla nave e li ricorda in una cappella che è diventata la Spoon River della tragedia. I loro padri erano arrivati a piedi. Alcuni erano morti di stenti attraversando l’Europa in cerca di fortuna. Altri erano sbarcati ai Docks credendo di essere arrivati nella Merica. Ma erano a Londra, dove oggi, a ottanta anni di distanza, la Brexit pone gli stessi interrogativi. Ricordo anche il libro di Maria Serena Balestracci, Arandora Star: dall'oblio alla memoria, disponibile su Amazon. Acquistato a Bardi, dove era allestita una mostra a ricordo dei caduti, in gran parte di quel territorio e la cui memoria è ancora molto viva. Ogni anno si tengono manifestazioni, c'è il gemellaggio sportivo del rugby, e con Borgotaro si disputano il maggior numero di lapidi al cimitero. A Parma, una via nella zona industriale è intitolata Arandora Star. Serena Sangiorgi
  2. Ricevo e trasmetto questa notizia, sperando di fare cosa gradita e non doppia: Interactive Map reveals World War One wreck sites https://www.bbc.com/news/uk-england-hampshire-45963035?fbclid=IwAR2Z2nJ3updp1yGw7h5MzuHJmtqAqICCr3TGnkHRyNv7yPz2I2_ZQ1OI_Oo Credo sia altrettanto interessante per i subacquei che per gli storici. Un bell'esempio di come si possano spendere bene i soldi delle lotterie. Serena
  3. Occasione unica per fare felici le signore: la gita sul Po sulla Motonave Stradivari, ma verso Casalmaggiore dove il Museo del Bijou ospita una mostra favolosa: https://www.motonavestradivari.it/il-capitano-landini/38-notizie/268-partenze-certe-giugno-2018 Sulla mostra: http://www.museodelbijou.it/category/eventi/ A parte che i piccoli musei sono dei gioiellini (stavolta letteralmente...) se non piove è una gita fantastica. Serena
  4. Segnalo qui (in attesa di una sezione apposita: FONTI E STRUMENTI, che mi pare manchi) una estesa collezione di periodici digitalizzati di vari argomenti storici e culturali: http://digitale.bnc.roma.sbn.it/tecadigitale/giornali/ L'elenco in ordine alfabetico di titolo è decisamente consistente e riserva qualche sorpresa... Serena
  5. Cari amici, in ritardo le foto migliori degli intervenuti all'assemblea di Genova. Un caro saluto, Serena
  6. Segnalo che è stato pubblicato in Academia.edu, e previa registrazione è accessibile, il seguente contributo https://www.academia.edu/32246675/Linfluenza_del_Potere_Marittimo_sulla_Storia_1660-1783_ il testo originale inglese è pubblicato parimenti in libera consultazione sul meritorio Internet Archive https://archive.org/details/seanpowerinf00maha Cari saluti a tutti Serena
  7. Segnalo a tutti che è stato digitalizzato , pubblicato in accesso libero ed è consultabile online: "L'archivio del dipartimento del Mediterraneo nell'Archivio di Stato di Livorno", Bruno Casini, Roma, 1961 - raggiungibile all'indirizzo: http://bit.ly/2opMBU5 Tutta la produzione editoriale della Direzione generale Archivi è ricercabile dalla pagina: http://bit.ly/OWObd1 link diretto: http://151.12.58.123/dgagaeta/pdf.php?file=Quaderni/5a8eb53609d3f.pdf Un caro saluto, Serena
  8. Credo che questo avrebbe intrigato moltissimo Hugo Pratt. Serena
  9. Ritrovato un relitto di sottomarino australiano della I Guerra Mondiale: sono proprio strabiliata... https://video.repubblica.it/socialnews/ritrovato-relitto-del-primo-sottomarino-australiano-se-ne-erano-perse-le-tracce-103-anni-fa/293036/293651 Ma esistono anche sottomarini Sudafricani??? Cioè in tutte le ex nazioni Commonwealth? Decisamente sono europocentrica... Serena
  10. Non credo che si pensi a oscuri retroscena, ma a una specie di rimozione dalla memoria, perchè i morti erano stati arrestati come sospetti di attività anti-inglesi in quanto italiani, a prescindere dal "quando" emigrati e/o integrati. Si contano casi di anziani con cittadinanza e figli al fronte. Inoltre la colorazione doveva, in qualche modo, far pensare agli inglesi che il trasporto poteva apparire, come infatti fu, militare e non civile. Questo è il rimprovero, non troppo velato, che viene fatto dai discendenti: una sommaria operazione di epurazione. Serena
  11. Una notevole iniziativa che si spera possa servire a creare o rafforzare sinergie in un settore di nicchia... http://www.lastampa.it/2017/12/10/societa/mare/nata-la-rete-italiana-dei-musei-del-mare-e-della-marineria-X0sqZBnxWV9MRG0EpWgcFO/pagina.html Nelle vacanze di natale, approfittiamo del tempo a disposizione per visitarne qualcuno... Serena
  12. Negli ultimi anni è stata riportata alla memoria una tragedia dimenticata della II Guerra Mondiale: l'affondamento dell'Arandora Star, in cui perirono centinaia di italiani già emigrati in Gran Bretagna http://www.vanillamagazine.it/l-affondamento-arandora-star-la-strage-dimenticata-della-seconda-guerra-mondiale/ La maggior parte dei morti proveniva dalle poverissime montagne della provincia di Parma, confine con Lunigiana. Ogni estate dal 2015 c'è una commemorazione, e si continuano ad aggiungere tasselli da parte di discendenti che, venendo a sapere delle ricerche storiche, portano i ricordi delle loro famiglie. Serena
  13. A seguito dell'interesse notato nella visita a Boretto del giugno scorso, segnalo questa mostra appena inaugurata: http://www.archiviodistatoparma.beniculturali.it/index.php?it/22/eventi/55/la-navigazione-sul-po-e-il-naviglio-di-parma Un caro saluto a tutt* Serena
  14. La serendipità funziona nei contesti più strani: cercando altro, è stato trovato un relitto del quarto secolo a.C. : http://www.blueplanetheart.it/2017/12/ritrovata-cipro-nave-dellepoca-alessandro-magno/ Ricordo con emozione le lezioni al corso di archelogia subacquea di Ustica, sul famoso relitto di Ulu Burun: qui si potrà agire solo con rov e compagnia, data la profondità, ma un turno di lavoro a mie spese lo farei volentieri... Serena
  15. Dunque, inizio con le scuse di prammatica per il ritardo, ma ha ragione Luiz, ci vuole un salto all'Archivio. Serena

Footer title

This content can be configured within your theme settings in your ACP. You can add any HTML including images, paragraphs and lists.

Footer title

This is an example of a list.

Footer title

This content can be configured within your theme settings in your ACP. You can add any HTML including images, paragraphs and lists.

Footer title

This content can be configured within your theme settings in your ACP. You can add any HTML including images, paragraphs and lists.

×
×
  • Create New...