Jump to content

sergio spinella

Members
  • Content Count

    5
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Everything posted by sergio spinella

  1. Nel Bollettino d'Archivio dell' Ufficio Storico della Marina del giugno 1999 Alberto Santoni esaminava le valutazioni britanniche d'anteguerra sulle capacità militari dell'Italia, e considerazioni postbelliche . Ebbene l' Autore riporta a pag.40 le seguenti parole della relazione inglese : " The navy was ruled by an ardent Fascist, a politician rather than a sailor, and was considered to be pro-German in sympathy " Si parla di Cavagnari . La Marina non era certamente fascista, o lo era in misura molto inferiore ad es all' Aeronautica ; ma purtroppo lo era il suo capo, il quale soprattutto evid
  2. Be', mi pare degno di nota il loro senso dell'ironia ( ! ). A tale proposito permettetemi di accennare ad un episodio di cui sono stato testimone in prima persona . In quegli anni venne in Italia René Greger, a mio avviso il massimo studioso della Marina zarista, oltre che notissimo collezionista navale ed amico, tra gli altri, di Arrigo Barilli . Poichè all'epoca internet non esisteva ancora, i nostri contatti avvenivano di solito in forma epistolare, in inglese o in tedesco ; e per effettuare quel viaggio René aveva dovuto superare difficoltà di ogni genere con le autorità dell' Ungheria soc
  3. Lei ha ragione : la Marina è di sicuro un' organizzazione sana , e quanto ho succintamente detto non intende certo oscurare il contributo insostituibile del gruppo di collaboratori dell' Ufficio Storico , o il lavoro quotidiano ( quasi sempre sconosciuto ) del personale imbarcato e no .Vorrei solo aggiungere che, a mia conoscenza, la serie " Le Navi d'Italia " non trova riscontro nelle grandi ( o più gettonate ....) Marine - almeno a livello ufficiale : per non parlare dell' Almanacco Navale . Non credo di esagerare se giudico tali fatti un miracolo, quando si tenga conto del clima di que
  4. Vorrei semplicemente limitarmi a qualche ricordo personale. Ho conosciuto Augusto e Giorgio Giorgerini a Bologna, dove venivano per incontrarsi con Arrigo Barilli e consultare il suo archivio ; quest'ultimo era infatti all'epoca la più imponente collezione fotografica navale privata esistente in Italia , ed io mi onoravo di godere della Sua amicizia e di collaborare con Lui . Con grande generosità Augusto mise a mia disposizione la sua collezione di negativi ( ovviamente a soggetto navale ) e posso aggiungere che quegli incontri , in cui si parlava a tutto campo delle " barchette " ( per usar
×
×
  • Create New...