Jump to content
Francesco De Domenico

Due Z Lighters nella marina italiana: oggetti misteriosi?

Recommended Posts

Che cosa erano gli "Z" Lighters? Erano 60 chiatte autopropulse, da Z  1 a Z 60, prefabbricate  per la Royal Navy sul modello delle "A" Lighters del RASC, Royal Army Service Corps, da diversi  cantieri indiani di Bombay, Calcutta, Karachi, Howrah e riassemblate nel 1943-44 in Egitto nella zona del Canale di Suez. Usate sopratutto nel Mediterraneo. Dovevano trasbordare nei porti e negli ancoraggi dalle navi ai moli carri armati, mezzi corazzati, automezzi, carichi vari ecc.  Avevano un dislocamento di 360 tonn., 455 tonn. a pieno carico, dimensioni 64.32  m lungh. f.t . 14.4  m largh., pescaggio 1.04  m a prua 1.92 m a poppa 1.44 m al centro con 80 t di carico, due motori diesel Gray di Detroit per 200-240 bhp complessivi, due eliche, 7 nodi e mezzo, un raggio d'azione di 236 miglia nautiche. Con un equipaggio di 7 persone potevano portare sei tanks da 15 tonn. o 9 autocarri a 4 ruote o 10 autocarri a 6 ruote da 3 tonn. e  95 tonn. d'acqua.  Le prime 30  vennero poi trasformate in dragamine da estuario nel 1945 mutando la sigla da Z in ZZ.

Nell'immediato dopoguerra almeno una dozzina di Z Lighters restarono nel Mediterraneo e  finirono come mercantili sotto bandiera italiana, e due di queste vennero successivamente acquistate dalla marina militare l'1.12.1950 con l'intenzione di utilizzarle come chiatte per trasporto benzina: Z 2 poi ZZ 2 poi mercantile MARIKA poi LILIA S.  venne denominata MTB. 1401 (Moto Trasporto Benzina) e Z 35 poi nel 1947 mercantile ELISABETTA per la Soc. Trasporti Rappresentanze Navigazione di Parma venne ribattezzata MTB. 1402. Entrambe però non entrarono mai in servizio e vennero radiate  dopo soli cinque mesi l'11.4.1951.

Sappiamo tutto o quasi sugli MTC (la serie 1001 ex MZ italiane  e la serie 1101 ex MFP tedesche),  sui MOC (la serie 1201 ex LCT britannici) e gli MTF (la serie 1301 sempre  ex LCT britannici), sugli MTM (ex LCM americani ) e gli MTP (ex LCVP americani), ma nulla sugli MTB della serie 1401...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Francesco,

davvero un bellissimo post.  Da parte mia ti posso solo dire che al settembre 1945 mi risultano la Z 38 affondata in porto a Venezia (anche se non so le cause) e le Z 22, 23, 33, 37, 39, 40, 41 in prestito a tempo indeterminato alla Regia Marina per uso (con personale "civile") nel porto di Genova, a disposizione del Consorzio Autonomo, per compiti portuali o di brevissimo cabotaggio.

 

saluti 

Marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nella marina mercantile mi risultano, a parte Z 2  e Z 35 già citate, Z 14 come CIP 3 poi TREPORTI, Z 18 come CIP 1 poi CAVALLINO, Z 20 come ANNA poi CREMONA, Z 26 come CIP 2 poi IESOLO,  Z 27 come ANATRA,  Z 34 oppure Z 49 come OCA (1949), Z 36 come PARMA (1950-53),  Z 37 come NAUTILUS,  Z 38 come REGGIO EMILIA, SAN TODARO ex Z 77 (?) e  GIUDECCA poi SAN GIORGIO ex Z 78 (?).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...