Jump to content

All Activity

This stream auto-updates

  1. Today
  2. Mi sapreste dire quali navi sono presenti in questa foto aerea di Pola. Di quale periodo può essere l'immagine?
  3. Naturalmente, mi scuso, mi riferisco soltanto alle navi mercantili italiane perdute nel Mediterraneo nel mese di giugno 1940.
  4. I danni causati alle mine nazionali alle navi italiane nei primi venti giorni di guerra Il 5 giugno 1940 l’incrociatore Pola, nave ammiraglia della 2a Squadra (ammiraglio Riccardo Paladini), e gli incrociatori della 3a Divisione Navale, Trento e Bolzano, si dislocarono a Messina e a Reggio Calabria. Lo stesso giorno iniziarono i movimenti dei sommergibili per raggiungere le dislocazioni previste dal documento DI.NA 8 ter. Il 6 giugno ebbe inizio la messa in opera degli sbarramenti difensivi di mine sulle coste dell’Italia e della Libia e
  5. Yesterday
  6. Naturalmente questi sbarramenti, con parecchie mine, mettono in dubbio gli affondamenti del RINA CROCE e PEPPINO P. assegnati al RORQUAL. Ansi, direi di escluderlo.
  7. Grazie Frncesco. Adesso pensiamo a sistemare una faccenda: ll piroscafo LOASSO è affondato il 26 giugno 1940 in lat. 41°40’N e 16°20’E, a 3 miglia da Mattinata nel Golfo di Manfredonia. Il posamine VIESTE, il cacciatorpediniere MIRABELLO e l'ncrociatore TARANTO posarono, tra il 6 e il 25 giugno, 255 mine nella zona del Gargano. Gli sbarramenti: vanno da .: 41°45 a 16°19’; da 41°26’ a 16°17; e infine da 41°30’ a 16°18’. Il primo sbarramento (posato dal VIESTE e dal MIRABELLO) sicuramente, e il 3° sbarramento (possibile), posato dal TARANTO, hanno causato l’affondamento del pi
  8. Ho trovato delle foto anche di MAKIS (ma non di ZINOVIA) su Historisches-Marinearchiv, che reca l'elenco di tutte le navi greche perdute in guerra, a cura di Dimitris Galon. Qualche giorno di pazienza.
  9. Quello che mi interessa é questo: A guerra iniziata, l’11 giugno, sempre a causa di mine nazionali, affondò il veliero da carico Carlo, di 253 tsl. a 18 miglia da Pianosa, mentre probabilmente per mine si persero il giorno 11 il veliero San Calogero, di 57 tsl, e la Goletta Predappio, di 26 tsl, il primo presso Trapani, il secondo nel Golfo di Taranto. Il 12 giugno la piccola e moderna motonave da pesca La Mora, di 15 tsl, affondò su una mina, naturalmente italiana, posata dai posamine Crotone, Orlando e Sgarallino, a ponente delle foci del Serchio, poco a nord di Pisa. E la stessa sorte
  10. Il piroscafo italiano Reno affondò il 18 giugno 1940, a 11 miglia per 28° dal Faro di Monte Capuccini (Ancona), su uno sbarramento minato posato dai posamine Azio e San Giusto.
  11. La LOASSO non mi interessa perché é affondata dopo che la Francia si é arresa. Comunque farò un'investigazione per sapere se é vero che é stato il RORQUAL. Le mine avrebbero dovuto essere viste e neutraliazzate in 12 giorni, trovavando a Manfredonia e sotto costa. Ma anch'io nella guerra di mine di Pagano ho messo causa affondamento RORQUAL. Però, uboat.net riporta: The claim that it also caused the loss of the Italian motorship Loasso (5968 GRT, built 1921) is incorrect as this vessel ran afoul of an Italian defensive minefield off Minata on 26 June 1940. A questo punto dubito
  12. La motonave LOASSO ex MESSICO ex VEJO, 6.482 tsl/1921, mi risulta affondata il 26 giugno 1940 su una mina posata dal smg britannico RORQUAL il 14 giugno. Ho trovato solo una foto di ALESSANDRO PODESTA' proveniente dal Museo Navale di Imperia, tra qualche giorno la vedrai. Inoltre una foto di RENO ex gallese AFON LLIEDI sta su wrecksite.eu/wreck.aspx?173366
  13. C'è anche un'altra citazione che ti riguarda: "Questa rara iniziativa congiunta dell'Asse era in realtà un'impresa tripartita. Il 26 agosto il battello italiano classe MARCONI Aquila VI, già LUIGI TORELLI, era arrivato a Sabang, un'isola al largo della punta nordoccidentale di Sumatra e a circa 300 miglia nautiche ad est [sic! a ovest NdT] di Penang. Altri due battelli italiani, REGINALDO GIULIANI della classe LIUZZI e COMMANDANTE CAPPELLINI [sic NdT] della classe MARCELLO (ridesignati rispettivamente Aquila II e Aquila III) avevano già compiuto analoghi viaggi a Singapore e a Sabang.
  14. A guerra iniziata, l’11 giugno, sempre a causa di mine nazionali, affondò il veliero da carico Carlo, di 253 tsl. a 18 miglia da Pianosa, mentre probabilmente per mine si persero il giorno 11 il veliero San Calogero, di 57 tsl, e la Goletta Predappio, di 26 tsl, il primo presso Trapani, il secondo nel Golfo di Taranto. Il 12 giugno la piccola e moderna motonave da pesca La Mora, di 15 tsl,affondo su una mina, naturalmente italiana, a ponente delle foci del Serchio. E la stessa sorte capitò il 18 al piroscafo da carico Reno, di 1.002 tsl , a 11 miglia per 28° dal Faro Monte Capuccino (Ancona).
  15. Francesco, hai la possibilità du trovare quialche foto delle navi maggiori affondate dalle mine, meno l'AVVENIRE che stà in Internet. Sull'ANNGIOLIN ho trovato che era diretto da Civitavecchi a Tripoli. Franco
  16. Me lo fari leggere, quando lo hai fatto tu. Ho interesse per l'attacco a Ceylon dell'aprile 1942.
  17. Signore, avrebbe dovuto cancellare il pn. https://www.nationalhistoricships.org.uk/register/636/hmafv-2757
  18. Era il cacciamine HMS WILTON, oggi clubhouse per lo Essex Yacht Club a Leigh-on-Sea. Visto che quello era troppo arduo, ne posto ora uno molto più facile. Un altro battello musealizzato.
  19. Nessuno potrà mai sapere quanti tesori fotografici giacciono nelle cantine, nelle soffitte, nei cassetti, negli album di famiglia. Poco prima degli eventi seguiti all’epidemia e al blocco di tutte le attività, mi telefonò un amico che, per passatempo ma non troppo, gira per mercatini, rigattieri, soffitte da svuotare, dicendomi che aveva trovato delle foto che potevano interessarmi. Si trattava di una decina di foto attaccate su fogli neri d’album, in pessimo stato di conservazione, formato 9x6 cm. Dalle note scritte a tergo, si ricava che sarebbero state scattate da un componente de
  20. Last week
  21. Grazie Francesco. Certo Somerville non considerava le corazzate italiane buone per la sua guerra nell'Oceano Indiano, ed é acido anche per la RICHELIEU che pure aveva ricevuto in USA un armamento contraereo formidabile, riguardo al tiro rapido, certamente migliore della sua RENOWN. Ma si sa, gli inglesi o britannici che siano, se non é materiale loro, hanno sempre da criticare. Se le LITTORIO dovevano essere impiegate, sarebbe stato necessario non solo rinforzare al massimo l'armamento contraereo, sostituendo gli inutili pezzi da 90, e tutte le mitragliere Breda, che non colpivano un tubo. M
  22. Ho dimenticato di linkare quest'ultima notizia. https://web.archive.org/web/20120723172145/http://www.newser.com/article/da06ofmg3/civilian-worker-charged-with-setting-both-fires-aboard-near-submarine-in-maine-shipyard.html Prima confessa poi ritratta. https://www.militarytimes.com/2015/05/17/man-convicted-in-2012-uss-miami-fire-proclaims-innocence/
  23. Caro Francesco. Me lo hai detto per telefono per le aggiunte e correzioni e ti rinnovo i miei ringraziamenti. Forse, leggendo l'articolo, ci si può rendere conto che le mie affermazioni, a volte necessariamente critiche, ma documentate, sono la verità. Amara, ma é così. Franco
  1. Load more activity
×
×
  • Create New...